L’ordine mondiale che va a rotoli

Il contraccolpo del progresso ha messo l’occidente in guerra contro se stesso

L’ordine mondiale che va a rotoli

Ora di punta (foto di Hernan Piñera via Flickr)

L’occidente va a rotoli per aver ignorato una previsione elementare: che ogni progresso porta con sé un contraccolpo. Ci sono periodi più aperti ai progressi, in cui le reazioni devono mugugnare, digrignare i denti, mordere il freno. Arrivano periodi in cui i progressi mostrano la corda e le reazioni hanno accumulato impazienza e rabbia sufficienti a farle esplodere. L’islamismo è una di queste reazioni, oggi la più virulenta e aggressiva, perché viene dalle periferie dell’occidente e si contrappone frontalmente al suo modo di vita, vuole punirlo e cancellarlo.

“L’occidente ha crescita e innovazione nel suo Dna. Se le rinnega, si eclissa”

La molla “culturale” della Rivoluzione industriale di ieri e l’eccesso di pessimismo di oggi. Parla Joel Mokyr

Ma c’è un contraccolpo che è maturato nel centro stesso dell’occidente, covando a lungo nella frustrazione e nel risentimento, ed è alla fine venuto alla luce in modo dirompente. Chiamarlo populismo è in fondo ancora una mezza misura consolante. Certo, nella sua incubazione ha contato e conta decisivamente una paura che viene da fuori e ha le fattezze della migrazione prima e più che del terrorismo. Ma la sua sostanza si è trasferita in una rivolta dell’occidente contro se stesso. Importa il tempo di questa crisi. All’inizio della campagna presidenziale americana uno degli argomenti forti e indiscussi per la sicumera circa la vittoria di Hillary Clinton era quello demografico: i bianchi presto non saranno più maggioranza, il voto di afroamericani e latinos è sempre più decisivo, eccetera. I bianchi però non sono contenti di non essere più maggioranza fra poco, e intanto reagiscono: la loro pelle è stata venduta prima di averli presi. Backlash, credo che si chiami, il contraccolpo. Anche la pelle degli orsi di provincia britannici era stata venduta troppo in fretta. E quanto profondamente scorra la reazione è appena oscurato dai futili motivi che provocano simili soprassalti e ne segnano gli esiti.

 

La sciocchezza leggera di Cameron che convoca il referendum per cavarsi d’impaccio, la sputtanatissima candidatura di un cialtrone americano che verrà davvero eletto, benché con tre milioni di voti in meno. Futili sono sempre le circostanze dei trapassi d’epoca, e oggi lo sono al punto di far rimpiangere il naso di Cleopatra. Futili abbastanza da avvertire che possono – ancora – essere contrastati e arginati nel confronto politico: resistibili ascese. Ma sotto la futilità spesso grottesca delle increspature di superficie passano correnti profonde presto destinate a farsi invincibili. E’ la partita dell’occidente contro l’occidente, e, come avviene sempre e oggi incomparabilmente di più, non si gioca in campo neutro, ma nel contesto fitto di altri attacchi. Il rimpianto della sovranità (che parola losca) è un contraccolpo, micidiale dove davvero si esercitava, buffonesco nelle marche dell’impero come l’Italia.

Scusi, a che ora tramonta l’occidente?

Scene da Sunset Boulevard. L’incendio purificatore di Mieli, il tavolo per aria di Romiti. E poi De Benedetti, Baumann, Scalfari: tutti a strapparsi le vesti per la Brexit.

La sovranità degli Stati nazionali era messa in causa già dai diritti dell’uomo, che uscivano dalle loro leggi e le sovrastavano come la premessa, “Io sono il Signore Dio tuo” sta sopra e fuori dal decalogo. Più urgentemente poi la sovranità sarebbe stata limata dall’atomica e la minaccia potenziale che ne viene all’intera umanità, e poi ancora dalla coscienza della degradazione del pianeta, perché piogge radioattive e mutamenti di clima ed epidemie non si arrestano alle garitte di confine. Le limitazioni di sovranità sono altrettanti progressi favoriti, quando non prodotti esclusivamente, dalla democrazia. La democrazia, essendo un sistema nazionale o multinazionale, è essa stessa incrinata dai diritti universali, che ha avuto il merito di incubare e affermare. La democrazia ha votato dei diritti che non possono più essere messi ai voti: che dunque l’hanno espropriata, prima di quanto abbiano fatto gli eventi che vanno sotto il nome di globalizzazione.

La democrazia è in crisi da sempre, e l’Italia fratricida non fa rivoluzioni

Riformare il tipo dell’uomo politico prima della politica

E’ un paradosso della democrazia, magnifico e però per molti insopportabile. Insopportabile per il vastissimo numero di regimi che la detestano e la dichiarano inadatta ai propri popoli e prepotente. Insopportabile anche a una parte crescente dei popoli che vi vivono e ne godono, finché non vede la propria posizione relativa così minacciata da ribellarsi apertamente. Quello che è vero per i “bianchi americani”, che non saranno più maggioranza ma intanto, e proprio per questo, mandano a casa Hillary e mettono in sella Trump e Bannon, è vero in generale per l’occidente, che da sempre non è maggioranza, ma vede erodersi bruscamente la propria quota azionaria nel mercato mondiale della politica e corre a chiudere le porte. La libertà occidentale si ribella a se stessa usando intanto i suoi strumenti migliori, le elezioni, i referendum: poi si vedrà. Poi c’è il tracollo delle libertà dentro, la guerra fuori. La domanda è: quanto poi? L’occidente è pentito, di due opposti pentimenti. Uno attualissimo e contingente, così da mostrare che la partita è ancora aperta: è affannosamente pentito di aver riempito di fili spinati i suoi bordi, di aver votato la Brexit, di aver votato Trump, di aver lasciato ammazzare tutti quei siriani… Un altro profondo e pieno di futuro: di aver aperto i suoi confini, di aver unito le sue monete, di essersi legato le mani con lo stato di diritto e le sue regole.

 

L’occidente, come le donne perbene dei vecchi romanzi, è sedotto dagli avventurieri e dai malviventi. Vede che l’efficacia internazionale di Putin è una funzione del suo dispotismo interno e lo invidia. Prova a emularlo, ricanta la canzone della tortura, dei dazi al 40 per cento al Messico. Sta cedendo anche all’alibi del dispotismo cinese, che la democrazia e lo stato di diritto non si adattino alla Cina, come una pianta esotica e non acclimatabile. Del resto non c’è incubo peggiore per la stabilità mondiale di una primavera cinese. L’occidente si dice che lo stato di diritto è un proprio lusso meritato ed esclusivo, e non la promessa di un progresso universale: una opzione fra le altre, e per giunta che oggi mostri la corda anche a casa sua. Nei giorni scorsi mi sono divertito a vedere come ci si divincolasse, anche su queste pagine, fra la denuncia del modo “unamerican” della nuova storia trumpiana e la sua smentita. Come se non fossero sempre esistite due Americhe, e oggi il bilico non fosse diventato così estremo. Eva contro Eva. Che il contraccolpo si sia incarnato in un magnate della truffa e dello show è un amaro, meraviglioso, sordido capitombolo. And all the king’s horses and all the king’s men couldn’t put Humpty together again.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tonio dicembre

    02 Febbraio 2017 - 18:06

    Sofri, io leggo il suo articolo e ne apprezzo lo sforzo divulgativo e anche l’onestà: la chiarezza è un indizio di fedeltà a ciò che si ha dentro. Leggo altrove che l’America non tradirà se stessa e che questo orizzonte deve essere di conforto all’Occidente. Come si arriva a questa conclusione? Forse la spiegazione sta in una cosa che disse Lincoln: l’America è l’ultima e migliore speranza dell’umanità. Quindi è così: l’umanità è di nuovo sull’orlo dell’abisso e non può fare a meno di aggrapparsi alla speranza. Ma qui sta la grossa novità: mentre nel 900 gli americani da isolazionisti mutarono in interventisti in nome dell’anticomunismo, oggi quel sentimento patriottico anti-qualcosa è venuto meno. Ma diamo all’America una vera ragione per difendersi e la profezia di Lincoln tornerà ad avverarsi.

    Report

    Rispondi

  • gf.cerulli

    02 Febbraio 2017 - 15:03

    Non sono riuscito a leggere fino in fondo questo è l'esempio dell'intellettuale che è sempre lo stesso da quando esiste il mondo grandi discorsi ma poca realtà belle parole sempre poi contraddette dai fatti della storia sono stufo mi leggo un buon romanzo

    Report

    Rispondi

  • mristoratore

    02 Febbraio 2017 - 13:01

    Mi sembra vi siano troppe parole inutili. L'inizio e la fine del problema dell'occidente è la crisi economica dell'occidente stesso, la quale impedisce di mantenere le promesse e le attese soprattutto dei giovani. Come e perché di quella crisi economica e come superarla? Il resto conta poco

    Report

    Rispondi

  • franco.bolsi

    02 Febbraio 2017 - 11:11

    La nostra è un epoca molto complessa ma credo sia caratterizzata dall’ipocrisia. I muri sono contro i nostri valori, cianciano in molti. Fatto salvo tentare di farli fare ad altri (Turchia e Libia se si può). No se lo fai tu, si se lo demandi a un altro. I diritti sono universali, cianciano in molti. I diritti sono quelli del tuo mondo, non quelli animisti o islamici che notoriamente sono diversi e incompatibili. L’Europa è la nostra patria, cianciano in molti. Ma in realtà in ogni crisi ognuno va da solo perché non c’è fiscalità, esercito, politica estera simili. E’ falso, sarebbe stato bello aggiungo. Poi il colore della pelle, conta anche quello e sottotraccia esiste in Giappone come da noi. Poi le tecnologie che non portano lavoro, e al contempo si hanno flussi di clandestini fuori controllo. Non è vero che sostituiranno la carenza di figli nostra, perché ci sarà meno lavoro. Lo spread fra l’enunciato e la realtà e i comportamenti è troppo elevato. Da qui le reazioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi