Hamon vince le primarie socialiste francesi. E Macron festeggia

L'ex ministro dell'Istruzione batte nettamente Manuel Valls ed esulta: "La gauche ha risollevato la testa". Ma la svolta a sinistra favorisce il leader di En Marche! 

Hamon vince le primarie socialiste francesi E Macron festeggia

Il vincitore delle primarie dei socialisti francesi, Benoit Hamon (Foto LaPresse)

Il partito socialista francese svolta a sinistra e sceglie Benoit Hamon come proprio candidato alle presidenziali francesi del prossimo 23 aprile. È lui il vincitore del secondo turno delle primarie dove ha staccato nettamente, 58,65% contro 41,35%, il rivale e premier uscente Manuel Valls.

Il 49enne ex ministro dell'Istruzione del primo governo Valls, l'uomo del reddito di cittadinanza, delle 32 ore lavorate (anziché 35), della marijuana libera, il "socialista utopista" come lo definisce qualcuno, aveva già dominato il primo turno. E ieri ha ottenuto la conferma che un po' tutti si aspettavano.

Le primarie dei socialisti francesi sembrano uno show di (già) perdenti

L’ostilità verso Valls, le mani tese verso Macron

Quella sinistra che flirta con i salafiti

Nello scontro Hamon-Valls due opposte visioni su islam e laicità

Dopotutto è stato lui, una volta uscito dall'esecutivo, a guidare la fronda socialista contro Hollande e il premier. E la cosa, insieme alla bassa popolarità dei due, lo ha sicuramente premiato. "Questa sera la gauche ha risollevato la testa", ha esultato subito dopo la vittoria alzando al cielo un rosa. I paragoni, ovviamente, sono con Bernie Sanders e Jeremy Corbyn. Anche per questo sono in molti a pensare che il vero vincitore di ieri sera sia, in realtà, Emmanuel Macron, leader di En Marche!, ex ministro dell'Economia del governo Valls, rottamatore anti-sistema, che piace sia a sinistra che a destra. E con il candidato di centrodestra Francois Fillon alle prese con lo scandalo che vede protagonista la moglie, l'impressione è che un ballottaggio Macron-Le Pen non sia poi così impossibile.

Scandalo francese

Fillon alle prese con il giustizialismo, socialisti persi nel populismo Le strade che portano a Macron

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    30 Gennaio 2017 - 13:01

    Spero che non sia, anche, impossibile una vittoria di Macron nell'eventuale ballottaggio con Le Pen. Sarebbe un segnale di grande importanza e di tendenza opposta a Brexit ed ai trumpismi dilaganti. Quanto alla sinistra, con Corbyn e Sanders ed ora Hamon, è destinata allo show di (già') perdenti a cui alludete.

    Report

    Rispondi

Servizi