Trump salva solo la Brexit e attacca Nato, Ue, Merkel e Iran

La Nato è "obsoleta", mentre la Merkel avrebbe commesso un "errore catastrofico". Possibili restrizioni per gli europei in America, mentre si va verso lo sfratto dei giornalisti dalla Casa Bianca

Trump salva solo la Brexit e attacca Nato, Ue, Merkel e Iran

Donald Trump (foto LaPresse)

Nato "obsoleta", dure critiche alla Merkel sulla questione migranti, Unione europea a guida tedesca che rischia altri abbandoni dopo la Brexit, veleno sull'accordo nucleare iraniano, restrizioni per gli europei che intendono viaggiare verso gli Stati Uniti. In attesa del suo insediamento ufficiale di venerdì 20 gennaio, Donald Trump ha concesso due diverse interviste ai giornali europei: una al Times di Londra e l'altra alla tedesca Bild.

 

Il prossimo presidente americano ha criticato la Nato che, pur rimanendo "importante" per gli equilibri mondiali, è ormai diventata “obsoleta”, in quanto ormai non starebbe facendo abbastanza per affrontare il problema del "terrore" e perché soltanto cinque paesi dell'Alleanza atlantica "pagano quanto dovrebbero", e questo "non è molto corretto nei confronti degli Stati Uniti". 

 

The Donald ha attaccato anche l'Ue, divenuta sostanzialmente uno strumento della Germania, pur evidenziando la profonda stima per Angela Merkel, comunque colpevole di aver commesso un "errore catastrofico" ad accogliere "tutti questi clandestini". "Molto presto altri paesi lasceranno l'Unione" dopo il "successo" della Brexit, una "grande cosa" arrivata perché "i paesi vogliono conservare la loro identità", dice Trump, che ha anche parlato di un futuro "accordo commerciale" con il Regno Unito.

 

La fiducia del presidente nei confronti della cancelliera tedesca potrebbe però anche "non durare a lungo" perché al pari di Vladimir Putin viene considerata un alleato potenzialmente problematico. A proposito della Russia, Trump ha comunque affermato che potrebbe pensare di cancellare le sanzioni se Mosca decidesse di ridurre i suoi armamenti nucleari. Un problema, quello del nucleare, che il presidente eletto vuole affrontare in maniera radicale, partendo dall'Iran e dall'accordo ("il più stupido che abbia mai visto") stretto da Obama con il paese degli ayatollah.

L’attacco di Pompeo. Cosa dice il nuovo direttore della Cia di Trump

“La Russia non ha fatto nulla per sconfiggere l’Isis”. Tortura, hackeraggi e deal con l’Iran

Per quanto riguarda la politica interna, l'amministrazione Trump potrebbe iniziare con lo sfratto dei giornalisti dalla Casa Bianca. Stando a quanto riferisce il capo di gabinetto Reince Priebus, i briefing quotidiani del portavoce Sean Spicer potrebbero tenersi fuori dalla residenza presidenziale, dunque i corrispondenti dalla Casa Bianca verrebbero trasferiti dalla West Wing di Pennsylvania Avenue al vicino edificio dell'Old Executive Office.

 

E i giornalisti potrebbero non essere gli unici ad avere problemi di ingresso nell'America di Trump: ci saranno nuove norme "che potrebbero comprendere anche restrizioni sugli europei che viaggiano negli Usa e controlli estremi per quelli che arrivano in America da parti del mondo conosciute per il terrorismo islamico".

 

Non manca, poi, la stilettata nei confronti del Messico, con chiaro monito alla tedesca Bmw: “Se costruiranno auto nel nuovo impianto messicano, per importarle negli Stati Uniti dovranno pagare una tassa del 35 per cento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    16 Gennaio 2017 - 16:04

    Forse è la volta buona per fare l'Europa. Grazie Trump. Parla di identità delle nazioni quando loro hanno fatto una guerra sanguinosa contro la secessione, dicansi guerra civile, per rimanere uniti, e fecero bene. Grazie Trump per i tuoi discorsi sulla nato, a favore della Brexit, sul puntare allo sfascio europeo, contro la Germania che in una unione europea ti fa paura e sulle limitazioni per l'ingresso degli europei. Grazie Trump. Svegliati Europa, ora o mai più. America ti voglio bene.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    16 Gennaio 2017 - 14:02

    Boh! Un po' di fuffa già sentita durante la campagna elettorale e assai poco di nuovo.Il problema Nato lo aveva già evidenziato Bush e poi Obama come pure la faccenda della scarsa partecipazione finanziaria dei paesi europei alle spese della Nato. Che poi questa sia scarsamente attrezzata per la lotta al terrorismo è lapalissiano dal momento che non è nata per agire contro i terroristi ma contro avversari palesi. Le lodi alla Brexit e alla Gran Bretagna non devono stupire: da secoli fra inglesi e americani c'è un filo d'oro di reciproca comprensione e apprezzamento, tanto è vero che già alcuni anni fa i due paesi stipularono un accordo commerciale simile al TTIP ma molto più equilibrato rispetto a quello che gli USA di Obama volevano imporre agli europei. Da ciò deriva anche la innata diffidenza nei confronti della Germania specie se troppo potente industrialmente e politicamente. Insomma una Germania leader e dominatrice in Europa non piace agli americani e d'altra parte neanche a noi

    Report

    Rispondi

  • Alessandra

    16 Gennaio 2017 - 14:02

    grande DONALD, finalmente torna l'identità

    Report

    Rispondi

  • ADL58

    16 Gennaio 2017 - 13:01

    Risate da pazzi. Trump fa Trump e dice le cose di Trump ovvero fa politica. Nell'Europa Ueiana dei disastri dove va di moda il politico alla "cavalier zerbino" questo non va bene. E forse neanche ai giornaloni va' tanto bene. Piccolo problemino i "populisti" non vogliono i "farlocchisti", ovvero quelli che dicono sistemiamo tutto noi, che voi elettori non capite un caxxo e dovete solo darci il vostro voto, e pertanto i populisti stessi quando votano scelgono Trump. Come la mettiamo ???? Reclutiamo un esercito di educatori oltre agli integratori a prescindere che servono ad integrare i migranti ?????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi