Theresa “Maybe” e Michael Fish

Gli economisti si erano sbagliati sulla Brexit, ma il premier è nel guado

Theresa “Maybe” e Michael Fish

Theresa May (foto LaPresse)

Nel 1987 il meteorologo inglese Michael Fish divenne famoso in tutto il Regno Unito per aver sbagliato a predire l’arrivo di un uragano durante il meteo in tv. Andy Haldane, capo economista della Bank of England, ha ammesso giovedì che anche gli economisti della massima istituzione finanziaria britannica hanno avuto durante il dibattito sulla Brexit il loro “momento Michael Fish”. Dagli analisti indipendenti alle banche d’affari fino alla Bank of England, durante la campagna referendaria sulla Brexit tutti hanno lanciato terribili strali sul tracollo dell’economia britannica in caso di voto referendario pro Brexit.

 

Recessione, crollo degli investimenti, distruzione della produzione era il minimo che sarebbe capitato agli sventurati britannici qualora avessero deciso di lasciare l’Ue. Queste previsioni, almeno per ora, non si sono avverate, l’economia britannica non solo continua a marciare ma è anche una delle più brillanti tra i paesi avanzati, e Haldane ha correttamente ammesso l’errore. Ma per il primo ministro britannico Theresa May il cammino verso la Brexit è tutt’altro che rose e fiori. Lo certifica l’Economist, che nel nuovo numero centra il gioco di parole perfetto (“Theresa Maybe”) per descrivere come l’indecisione sia diventata la cifra del governo britannico. Tutto ruota ovviamente attorno al piano per la Brexit, che “rimane indefinito nel più vago dei termini, e pare sempre più un caos”. Come per l’economia post Brexit, meglio diffidare delle previsioni, ma per ora su Brexit e non solo May ha collezionato scivoloni e dietrofront, e ancora nessuna vittoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pietro.parodi2

    07 Gennaio 2017 - 11:11

    Faccio rispettosamente presente che: 1. Lo UK è TUTTORA nella UE. Non a caso, quando si è trattato di firmare il trattato commerciale col Canada, lo UK si è affrettato ad aderire come membro della UE 2. l'economia di un Paese sostanzialmente ben gestito come lo UK non è che possa stravolgersi in pochi mesi 3. Il tonfo della Sterlina e dei titoli immobiliari non mi sembra una sciocchezzuola 4. Non è la sola Theresa che non sa che pesci pigliare. E' TUTTA la classe politica britanniche che sta dimostrandosi di una pochezza incredibile 5. Può essere che finora non ci siano stato gravi danni. Ma è positivo che i possibili successi non si vedono neanche col telescopio. Tutto sommato, fin qui la Brexit sembra un perfetto case study sulla stupidità della democrazia diretta, soprattutto quando gestita in modo arrogante e dilettantesco come in questo caso. Cerchiamo di imparare dalla loro BRUTTA esperienza

    Report

    Rispondi

Servizi