Perché si è dimesso l’ambasciatore che avrebbe dovuto negoziare la Brexit

Ivan Rogers lascia la carica e per molti, a Londra, il suo passo indietro nasconde cattivi presagi per i negoziati con Bruxelles

Perché si è dimesso l’ambasciatore che avrebbe dovuto negoziare la Brexit

Sulla destra l'ambasciatore Ivan Rogers

L’ambasciatore britannico presso l’Ue, Sir Ivan Rogers, si è dimesso a sorpresa dal suo incarico quando mancano appena due mesi dall'avvio dei negoziati per la Brexit, che il premier Theresa May ha promesso entro fine marzo. La notizia, confermata dal ministero degli Esteri, giunge inaspettata. A Londra, il governo contava molto sull'esperienza e sui buoni rapporti istituzionali costruiti da Rogers, considerato l'uomo giusto per condurre la trattativa sull’articolo 50 del Trattato di Lisbona che il Regno Unito vuole attivare per avviare la procedura di distacco dall’Unione. L’ambasciatore britannico, il terzo in soli 4 anni a ricoprire l'incarico a Bruxelles, non ha rilasciato commenti sulle motivazioni che lo hanno indotto a dimettersi.

Banchetti e bigliettini. L’hard Brexit s’organizza fuori dal palazzo

Il “Vote leave” che vinse il referendum ha cambiato nome, ma ha una gran forza sul territorio. May impantanata

Rogers è considerato un diplomatico esperto, molto vicino all’ex primo ministro David Cameron. Fu l'ambasciatore che si occupò di curare le relazioni delicate tra Londra e Bruxelles prima e dopo il referendum del giugno 2016 sulla Brexit. Rogers ha assunto la carica di ambasciatore presso le istituzioni europee nel 2013 e il suo mandato sarebbe scaduto il prossimo novembre. A dicembre, alcuni giornali a favore del "leave" avevano criticato il diplomatico dopo che la Bbc aveva pubblicato delle intercettazioni in cui Rogers – smentendo le tesi più ottimistiche del governo May – stimava in non meno di 10 anni il tempo necessario per negoziare un nuovo accordo commerciale tra Ue e Regno Unito.

Le dimissioni dell’ambasciatore sono state accolte con favore dal fronte degli euroscettici che lo definivano "un pessimista". D'altra parte, alcuni esponenti dei Tories hanno manifestato dispiacere per la perdita di un professionista “di tale calibro ed esperienza”. "Le dimissioni di Ivan Rogers rendono l'ipotesi di ottenere un buon accordo sulla Brexit meno probabile", ha commentato su Twitter Charles Grant, capo del think tank "Centre for European Reform".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    03 Gennaio 2017 - 22:10

    Alleluia! Non poteva non andarsene, ci vuole cavallo nuovo per questa corsa, che abbia potere di sorprendere, non uno il cui pensiero e la cui psicologia sono noti e stranoti. il commento del Think Tank menzionato, pessimista, infonde grande ottimismo a chi, come me crede nel valore della Brexit, come unica chance per cambiare i trattati prima che dell'Europa non rimanga che un ricordo, come di un sogno dopo che ha suonato la sveglia.

    Report

    Rispondi

Servizi