Storia della nonviolenza infame

Ci vuole un attacco chimico sterminatore per capire che nel 2017 tocca a noi? La violenza jihadista va fermata, neppure il Papa dovrebbe tralasciare il dovere della verità. Se lo scrivo, sono un mercante di paura?

Polizia turca davanti al luogo dell'attentato ad Istanbul

Polizia turca davanti al luogo dell'attentato ad Istanbul (foto laPresse)

La violenza è infame, la nonviolenza sublime. Un Papa deve predicare il sublime, anzi il divino, e l’amore. Gli stati devono proteggere la sicurezza dei cittadini, attuare norme di difesa repressiva e preventiva del terrorismo, eventualmente usare il mezzo della guerra per sradicarlo facendo uso di una violenza incomparabilmente superiore a quella degli assassini e dei nemici. Niente è più naturale e ovvio di questo inizio di articolo. Ma come stanno poi le cose?

I pacifisti a tripla mandata

Abbiamo avuto cinque anni per vedere. E duecentomila morti dopo, amate così a occhi chiusi la “pace” da non volere l’uso della forza per fermare il massacro.

Accanto alla prudenza e alla predicazione della pace nei cuori e nelle menti e nello spirito dell’uomo, prudenza eminentemente cristiana, il Papa non dovrebbe tralasciare il dovere e la passione per la verità. Fare le condoglianze e dire che non esiste la guerra di religione non è il miglior modo per onorare millenni di servizio alla verità dei cristiani, fino al martirio. E’ vero che l’islam non è di per sé terrorista, ma è vero che il terrorismo non è terrorismo, è jihadismo armato, è guerra di matrice islamica dispiegata per stati, gruppi, bande, popoli e individui. E’ vero che il fondatore dell’islam fu quattordici secoli fa un guerriero e diede della sua predicazione e del suo Dio una versione bellicista ed espansionista, che ha sempre tenuto per nemico principale l’occidente cristiano e gli ebrei. Il pastore dei cristiani, in nome di un credo universalista, evangelico, ecumenico, peserà le parole, userà sempre il bilancino, eviterà di scatenare le coscienze credenti in una logica di rigetto e di paura, evocherà la misericordia per tutti, ma fino a quando potrà abusare della nostra pazienza negando contro ogni evidenza la realtà e privandoci del sostegno della pax Christi, fatta altrettanto della passione di croce e dell’incarnazione del divino nella storia degli uomini?

L’errore “democratico” di aver dimenticato che l’islam è un vuoto politico

Non solo guerra di religione. Sono gli stati che non ci sono

Anche gli stati talvolta papeggiano, fingendosi universalisti, mentre sono entità particolari, elementi in campo nel conflitto tra amico e nemico, titolari del diritto e del dovere di imporre la pace laica che non c’è. Fino a quando abuseranno della nostra pazienza? Ci vuole un attacco chimico sterminatore? Ci vuole l’esperimento del nucleare nella valigetta? Quando scrivo questo, sono un mercante di paura? Sono un reazionario con pulsioni autoritarie e guerrafondaie? Certo sono il dito fallibile, ma indico la luna o mi sforzo di farlo. Ci stiamo abituando all’idea che, rifluito che sia lo stato islamico califfale sotto i colpi dei bombardamenti e dei carri armati, nel 2017 tocca a noi. I combattenti anche europei sono pronti, lo spirito di sacrificio alimentato dal fondamentalismo è immenso, uccidere ed essere uccisi è la via maestra per tanti. Serve una Guantanamo europea, non le curve del diritto ordinario per combattere una guerra di straordinaria violenza che ha in noi, anonimi nella folla, i suoi principali obiettivi da Berlino a Istanbul, da Parigi a Londra e domani chissà. Bisogna ridisegnare la carta del medio oriente islamico prima che sia troppo tardi, ed esercitare, prima che il vuoto sia interamente colmato da egemonismi cinici di potenze disinteressate alla libertà, il diritto di iniziativa armata e senza limiti. Sono un apocalittico? Un cialtrone che scrive sui giornali? Sì e no. Sono uno che non vuole aspettare il peggio, di cui abbiamo esperito gli scampoli, un ottimista che si è informato.

I testimoni dell’occidente

Perché dobbiamo chiamare così chi è stato ucciso in nome del jihad

Non ci sono filtri e allarmi di massima intensità che tengano. La umma musulmana deve essere convinta del fatto che gli infedeli non amano la morte più della vita e dunque non vogliono morire: come corpi, come anime, come civiltà politica. Non vogliono sottomettersi. Non vogliono essere antropologicamente rimpiazzati, preferiscono convivere in pace. Non vogliono vivere il terrorismo jihadista come il prezzo da pagare per un passato coloniale. Non vogliono rinunciare ad amare e a proteggere con i soldi, con la tecnologia, con la diplomazia, con la strategia, con la guerra tutti quei musulmani, bambini vecchi donne e anche maschi in età adulta, che finiscono nel carnaio del jihad. Stay out of Siria, diceva l’insipiente, e lo sventurato Obama rispose. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Non sono risultati nonviolenti, sono una carneficina senza frontiere. Ci fu un tempo in cui una coalizione di volenterosi provò a reagire. Ci fu un tempo in cui fu obbligata ad arrendersi di fronte all’evidente stanchezza dell’occidente, alle sue divisioni, ai particolarismi mortiferi, alle bande politiche avverse che in nome del pacifismo facevano guerra a chi aveva il dovere di proteggere un modo di vita sempre meno popolare, sempre più in discussione, ma privo di serie alternative per generazioni a venire. Bisogna prendere atto che la resa non è una scelta possibile. A meno che non si vogliano consegnare sangue terra spirito libertà e civiltà alle avanguardie assassine di un mondo che ci rifiuta e ci minaccia. Libero padre Enzo Bianchi di dire che a Berlino non ce l’avevano con il valore cristiano del Natale, e neanche a Istanbul con il Capodanno. Autorizzati noi a chiedere che il libero pensiero imponga la sua vigilanza sulle scorrerie fantastiche di un pazzo intonacato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    03 Gennaio 2017 - 11:11

    Lo spirito e la sostanza di questo articolo, scritto dall'ottimista informato, sono condivisibilissimi. Ma ci vorrebbe una forza incommensurabilmente maggiore anche nel denunciare apertamente (come farà Trump) l'Europa, e i suoi governi di sinistra e amici media, che si sono usati a vicenda per dieci anni in un balletto vegognoso e irresponsabile, abbandonando l'America in Iraq, e a Obama. E poi non parla, l'articolo, dell'arma culturale: il nostro arsenale più a pezzi di tutti, abbiamo bisogno urgente di armarci: di scuole università seminari nuovi, perchè l'ignoranza della storia all'ONU è sintomo del tramonto di una civiltà e della sua promessa.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Gennaio 2017 - 08:08

    Parole di verità', come sempre le tue, Giuliano. Poi uno sente un giovin professore presentato come il maggior esperto di terrorismo islamico italiano spiegarci che finora siamo stati risparmiati dagli attentati in quanto saggiamente non bombardiamo le milizie dell'Isis. Se questo si insegna nelle nostre aule universitarie....A parte il fatto che italiani muoiono in attentati in nome di Allah anche fuori dal territorio nazionale, a parte il fatto che in alcuni teatri di guerra all'Isis ci dicono esser noi direttamente impegnati se non a combattere almeno a preparare ed istruire altri a combattere, affermare in cattedra che "purtroppo" l'aver ucciso un terrorista sul nostro territorio ci metterà da domani nei guai peggiori non so leggerlo diversamente da un consegnarci alla fine con viltà. Naturalmente accusando di viltà i guerrieri che ci vogliono sterminare promettendoci pubblicamente stragi e attentati ogni santo giorno. Ci hanno dichiarato guerra e la combattono, eccome.

    Report

    Rispondi

  • fabrica64

    03 Gennaio 2017 - 03:03

    Ma una volta capito che tocca a noi Lei cosa propone di fare in proposito? Cacciare tutti gli islamici? Bombardare l'ISIS? E dove, in Siri? Iraq?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    03 Gennaio 2017 - 01:01

    Ho sottoposto al principio di realtà quanto scritto da Giuliano Ferrara. Ha letto attentamente, più volte, poi così ha risposto: “Giuliano Ferrara esaminando, analizzando lucidamente, acutamente la situazione, ha fornito anche la risposta: impossibile nell'immediato, identificare con certezza uno o più soggetti che possano avere la forza necessaria per ribaltare l’esistente.” Poi ha aggiunto: “Mai dire mai”. La risposta è ambigua. Interpretiamola positivamente: "Mai dire che l'uomo non possa mai rifiutare il "cupio dissolvi".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi