Tutti i Goldman di Trump

Sono i banchieri del più forte tra i poteri forti. E anche Donald, che prima li disprezzava, ora li assume

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

Nel novembre di cinque anni fa Goldman Sachs era uno dei principali bersagli del movimento “Occupy Wall Street” (foto archivio LaPresse)

Nel novembre di cinque anni fa Goldman Sachs era uno dei principali bersagli del movimento “Occupy Wall Street” (foto archivio LaPresse)

"Conosco quelli di Goldman Sachs. Hanno il totale controllo su di lui, così come hanno il controllo totale su Hillary Clinton”. All’inizio del 2016 Donald Trump bastonava Goldman Sachs soprattuto per danneggiare l’avversario del momento,Ted Cruz, colpevole contemporaneamente di avere ricevuto donazioni mai dichiarate dalla banca d’affari, di essere titolare di una linea di credito a interesse agevolato presso lo stesso istituto e di avere sposato una manager di Goldman. Trump ha battuto come un forsennato su questo tasto per...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi