La guerra di civiltà spiegata a Galantino

La retorica della pacificazione non ci salverà da chi uccide in nome dell’islam

La guerra di civiltà spiegata a Galantino

Foto LaPresse

Che cosa lega l’omicidio dell’ambasciatore russo in Turchia (19 dicembre), la strage con 12 morti nel mercatino natalizio di Berlino (19 dicembre), l’uccisione di dieci turisti a Karak (Giordania, 18 dicembre), la decapitazione di un prete nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray (Francia, 26 luglio), il machete con cui un siriano ha ucciso una donna incinta a Reutlingen (Germania, 24 luglio), l’attacco kamikaze sferrato a un concerto con 2.500 persone ad Ansbach (Germania, 24 luglio), i colpi d’ascia di un ragazzo afghano in un treno regionale tra Würzburg-Heidingsfeld (Germania, 18 luglio), la mattanza sulla Promenade des Anglais di Nizza (Francia, 14 luglio), le 29 persone uccise a Dacca nel ristorante Holey Artisan Bakery (1 luglio), i tre attacchi suicidi che hanno colpito l’aeroporto di Istabul uccidendo 44 persone (28 giugno), le 10 persone uccise in Daghestan in un attacco suicida (Russia, 30 marzo), le 40 persone uccise da un kamikaze a Baghdad durante una partita di calcio (25 marzo), i 31 morti dell’attentato all’aeroporto di Bruxelles (22 marzo), l’attacco suicida al palazzo presidenziale di Aden che ha portato via 11 persone (Yemen, 28 gennaio), il commando di terroristi che ha ucciso due persone a Giacarta (Indonesia, 14 gennaio), il camion bomba che ha ucciso in un campo di addestramento della polizia in Libia 70 persone (8 gennaio), l’attacco contro i turisti israeliani a Giza in Egitto (8 gennaio)? Che cosa hanno in comune gli attentati che compongono l’impressionante striscia di sangue (e il nostro elenco, purtroppo, non è neppure completo) realizzata nel corso del 2016 dai soldati dello Stato islamico? Li lega il fatto di essere attentati organizzati da rifugiati? Li lega il fatto di essere attentati organizzati da persone molto povere, o molte depresse, o vittime del liberismo sfrenato? Li lega il fatto di essere delle reazioni contro azioni illiberali e omicide dei colonialisti occidentali che con il loro interventismo in medio oriente hanno provocato gli islamisti? Si può pensare tutto questo e ci si può continuare a illudere, coccolandoci dolcemente nel nostro rassicurante senso di colpa, che la violenza innescata dall’islamismo politico, che ha nel jihad la sua forma più estrema ma non unica di manifestazione estremista, sia un problema generato dall’occidente che si risolve accogliendo di più, tollerando di più e  combattendo di meno.

Ci si può continuare a raccontare frottole rassicuranti e pensare intensamente che una strage in Libia, un attentato a Parigi, un kamikaze a Nizza, un prete sgozzato in chiesa siano spiegabili con la categoria della psichiatria (sono tutti pazzi) o con quella della macroeconomia (“è tutta colpa del denaro”, ha detto ieri Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana). Ci si può continuare a raccontare favole e non svegliare le nostre coscienze. Oppure si può decidere di non prenderci più in giro e guardare la realtà per quello che è, e gli attentati per quello che sono. La diciamo in modo semplice, senza girarci attorno. L’islamista che uccide non è un pazzo squilibrato ma è un uomo dotato di intelletto (e spesso dotato anche di istruzione e di denaro) che agisce spinto da un’ideologia omicida che trova una sua giustificazione esplicita in un’interpretazione non squilibrata ma letterale di alcuni passi del Corano. Non è un problema di rifugiati, non diciamo cazzate (Salah Abdeslam era rifugiato? L’attentatore di Nizza era un rifugiato?). Il problema che in molti continuano a negare è che nel mondo e soprattutto in Europa è in corso una guerra di civiltà a sfondo religioso dalla quale sarà difficile mettersi al riparo se ciascuno di noi continuerà ad alimentare la retorica della pacificazione. Quella che stiamo osservando è una guerra che nasce non da una reazione ma da un’azione precisa finalizzata a distruggere i simboli della libertà degli infedeli. La libertà sessuale (San Bernardino). La libertà religiosa (Rouen). La libertà dell’occidente (Nizza, il 14 luglio, il giorno dell’indipendenza). La libertà d’espressione (Charlie). La libertà di movimento (aeroporti). Il terrorismo islamico non fa distinzione tra sfumature. Puoi essere un ebreo a Tel Aviv, un uomo che partecipa a un concerto a Parigi, una yazida in Iraq, un cristiano in Siria. I dettagli non contano: resti sempre un bersaglio.

 

Galantino commenta la strage di Berlino: “Nessuno scontro di civiltà, c'entra solo il denaro”

Il segretario generale della Cei denuncia “il terrorismo del linguaggio” perché “si uccide anche con la calunnia”

 

La sintesi perfetta, per trovare un filo alla scia islamista di sangue del 2016, l’ha offerta ieri ancora una volta il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu: “Questo attacco è l’ultimo di una serie di attacchi riprovevole. Questo terrorismo è espressione della guerra che l’islamismo estremista ha dichiarato al mondo occidentale, alla nostra cultura, ai nostri valori. Il terrore si sta diffondendo in tutto il mondo e può essere arrestato solo se lo combattiamo. Ma esiste solo un modo per sconfiggere i terroristi: tutte le nazioni libere sotto attacco devono unirsi e combattere”. Non è l’interventismo che genera il terrorismo. E’ il non interventismo che lascia ai terroristi la possibilità di agire, di crescere, di strutturarsi, per colpire in qualsiasi momento il cuore e i simboli della nostra libertà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • bary1938

    22 Dicembre 2016 - 19:07

    "è tutta colpa del denaro"...lui se ne intende.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    21 Dicembre 2016 - 15:03

    Mah, anche l'apostolo Giuda di Keriot pensava sempre in termini di denaro, monetizzava tutto e non considerava altro.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    21 Dicembre 2016 - 11:11

    La sua, Cerasa, e' un'analisi impeccabile. Solo la conclusione mi lascia perplesso. Mi pare, purtroppo, abbastanza illusorio che le nazioni libere si uniscano e combattano . Come spesso succede interessi contrapposti impediscono la realizzazione di un interesse comune, anche se imprescindibile. Il nostro paese, finora e' stato risparmiato dagli attentatori jihadisti. È un paese che ha già' dato. Gli anni terribili, a partire dal dicembre 1969 (Piazza Fontana), in cui l'Italia si trovo' sola a combattere terrorismo e stragismo dovrebbero far riflettere chi spesso rimpiange il passato è denigra il presente.

    Report

    Rispondi

  • giorgio.malago

    21 Dicembre 2016 - 10:10

    Finalmente! Parole che sono per me un balsamo dopo tutti i discorsi che ascolto in Tv dalla mattina alla sera per un mio ormai malsano costume. Vorrei solo fare un appunto al direttore: perché queste sacrosante argomentazioni non sono espresse in tavoli come OMNIBUS od AGORA'?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi