Uccisi i quattro assalitori del castello di Karak, in Giordania

Il gruppo armato ha attaccato la nota attrazione turistica uccidendo 10 persone tra cui quattro poliziotti e una turista canadese

giordania attentato

I soccorsi intervengono a Karak, dopo l'attacco terroristico (foto LaPresse)

In Giordania le forze di sicurezza hanno annunciato di aver ucciso i quattro terroristi che domenica hanno fatto irruzione nello storico castello di Karak uccidendo 10 persone, tra cui una turista canadese e quattro poliziotti, e hanno ferito una trentina di persone. Gli agenti hanno ritrovato sul luogo delle cinture esplosive e altre armi appartenenti agli assalitori. L'assalto è stato ben congegnato e non si sa ancora a quale gruppo armato appartenevano i terroristi.

 

In mattinata, prima di entrare nel castello, una nota attrazione turistica del paese, il commando ha sparato contro due pattuglie della polizia. Poi, una volta giunti alla fortezza, hanno attaccato la stazione della polizia che si trova sulla collina e hanno intrappolato nel castello decine di turisti. 

 

Uccisi tre militari americani in Giordania

Non è ancora chiara la dinamica dell'accaduto. I soldati avrebbero cercato di entrare nella base aerea di Al Jafr senza rispettare le procedure previste. Gli agenti di sicurezza hanno quindi aperto il fuoco uccidendoli.

 

La Giordania, che è un paese alleato degli Stati Uniti nella guerra allo Stato islamico in Siria e in Iraq, è da tempo minacciata dal Califfato che lo scorso giugno ha rivendicato un attacco suicida che ha ucciso sei militari al confine con la Siria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi