Chi sta veramente colpendo lo Stato islamico?

L’unico programma per bloccare gli stragisti nascosti in Siria è affidato agli americani (e alleati). Il Pentagono è un serial killer di capi Isis

Daniele Raineri

Email:

raineri@ilfoglio.it

Iraq, Isis ed esercito combattono a sud-est di Mosul

Iraq, Isis ed esercito combattono a sud-est di Mosul (foto LaPresse)

Roma. Lo Stato islamico pianifica stragi in molti paesi – a volte con successo, come in Francia, Belgio e Tunisia – ma in questo momento esiste soltanto un controprogramma su scala mondiale per trovare e bloccare i pianificatori, ed è affidato agli Stati Uniti. Martedì il portavoce del Pentagono ha annunciato che domenica 4 dicembre un bombardamento di precisione ha ucciso tre leader dello Stato islamico, due francesi e un belga, impegnati a preparare attentati in Europa. La notizia si...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi