Ad Aleppo Putin dipende dai “gruppi iraniani”

Bloccata l’evacuazione dei civili frutto di un’intesa fra Russia e Turchia, in città dominano le milizie straniere

Daniele Raineri

Email:

raineri@ilfoglio.it

aleppo siria guerra

Siria, forze lealiste ad Aleppo (foto LaPresse)

Roma. La storia della tregua prima firmata da Russia e Turchia per trasferire in salvo gli assediati di Aleppo e poi bloccata dall’Iran rende bene l’idea di cosa succede e di chi comanda in quel quadrante del paese. Una fonte di Aleppo dice al Foglio che ieri mattina gli autobus verdi hanno abbandonato il luogo prestabilito per l’inizio dell’evacuazione dei civili dalla città, che era stata fissata per le cinque del mattino e che non è mai cominciata. L’evacuazione era...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi