Chi ha inventato il premio Sakharov, vinto ieri dalle due yazide

Jas Gawronski: “Così lo fondammo con Otto d’Asburgo”. Il premio resiste. Alla compiacenza, ai buoni sentimenti, alla retorica facile

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, vincitrici Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2016

Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, vincitrici Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2016 (foto LaPresse)

Roma. Yasser Arafat, Jimmy Carter, Rigoberta Menchù… Il Nobel per la Pace ci ha messo del suo per perdere ogni credibilità. E’ diventato un premio “phony”, fasullo. Alla meglio un omaggio alle buone intenzioni, di cui però è notoriamente lastricata la strada dell’inferno. I premi dell’Onu portano ormai i nomi dei tiranni equatoriali, come il premio Obiang. Il “premio Nobel alternativo”, il Right Livelihood Award svedese, è invece appannaggio dei delatori (Mordechai Vanunu, Amy Goodman, Edward Snowden). Il buon Premio...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi