Tutti a scuola di arabo

L’assurda proposta di Jack Lang, intellocrate della gauche caviar

scuola di arabo

(foto LaPresse)

Qualche anno fa, Jean-Pierre Garnier e Louis Janover pubblicarono un libro dal titolo “La deuxième droite”, un saggio contro le malefatte del goscismo e i maîtres à penser che all’avvento dei socialisti alla guida dello stato presero parte alla grande abbuffata. Come Marguerite Duras, “ninfa Egeria della gauche caviar”. Come Philippe Sollers, definito “la piccola vedova di Mao”. E lui, Jack Lang, l’onnipresente, il potentissimo ministro della Cultura socialista con Mitterrand, quello che faceva le crociate contro l’industria cinematografica e...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi