Una scommessa vinta

Aleppo cade. La strategia di Assad e Putin che non ha allarmato il mondo

82 fucilazioni sul posto, dice l’Onu. Tregua last-minute per gli assediati, costretti ad andare verso gli islamisti

Daniele Raineri

Email:

raineri@ilfoglio.it

Aleppo

(foto LaPresse)

Roma. Aleppo cade, come previsto un po’ da tutti ormai da mesi, ed è una scommessa vinta sulla lunga distanza dal regime di Assad. Vinta su due piani. Il primo è che un incremento progressivo della violenza non avrebbe fatto scattare una reazione della comunità internazionale, come infatti è successo. Nel luglio 2012 visitai il quartiere di Bustan al Qasr, uno dei primi a ribellarsi e uno degli ultimi a cadere sotto il controllo delle forze filogovernative (tocca scrivere così,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    13 Dicembre 2016 - 22:10

    Mons. Abou Khazen, felice per l’ingresso dell’esercito siriano nei quartieri occupati, considera “motivo di speranza” la lettera del Papa ad Assad. Ma accusa: “L’embargo colpisce solo i civili”.Credo solo a ciò che dicono i vescovi siriani. Non credo all'ONU. alla Merkel, a Hollande e agli americani.

    Report

    Rispondi

Servizi