Perdere Palmira

Contro lo Stato islamico, i russi e Assad fanno meno di americani, turchi e libici. E ora si vede

Daniele Raineri

Email:

raineri@ilfoglio.it

palmira

Le rovine di Palmira (foto LaPresse)

Roma. I violini non suonano più nel teatro romano di Palmira. Lo Stato islamico in condizioni d’asfissia che non prendeva più una città dalla primavera 2015, che è appena stato sradicato da Sirte, in Libia (dai libici, con l’appoggio dei jet americani), che è sotto assedio a Mosul in Iraq e che è sotto pressione nel nord della Siria – dove i turchi e i ribelli siriani avanzano su al Bab e i curdi aspettano gli ordini americani fuori da...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi