Allarme Russia

Trump ridicolizza la Cia. Se ci sono prove d’interferenza, mostratele

cia trump
Quando Donald Trump dice che la Cia è “ridicola” nell’accusare la Russia di Vladimir Putin di interferenze nelle presidenziali americane e che, se lui avesse perso e avesse tirato fuori una questione simile, tutti avrebbero gridato “alle teorie del complotto”, ha gioco facile nello sminuire il ruolo delle spie americane: ha citato i report sulle armi di distruzione di massa mai trovate in Iraq, ha detto che la Cia è fatta di pregiudizi e di imbambolati, e ha già ridimensionato...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    13 Dicembre 2016 - 16:04

    Non solo la CIA. Tutta l'Amministrazione americana è ridicola. Ridicola e criminale.

    Report

    Rispondi

  • torrealberto637

    13 Dicembre 2016 - 11:11

    Premesso che i servizi USA hanno spiano e registrato tutte le conversazioni dei leader mondiali (ricordo che Obama si è dovuto scusare con gli alleati europei), mi sembra assurdo che i Democratici anzicchè indignarsi per l'appoggio scorretto che partito e mass media hanno dato alla Clinton contro Sanders e per come sia stato gestito lo scandalo delle emails cancellate si focalizzino esclusivamente sulla possibilità che questi leaks abbiano potuto favorire Trump.

    Report

    Rispondi

Servizi