Fillon, il terzo uomo

Il candidato riporta la destra francese alla sua natura tradizionale, ci dice un politologo. La questione islam

fillon

François Fillon (foto LaPresse)

Parigi. Per Nicolas Beytout, direttore dell’Opinion, François Fillon non può ancora dirsi certo di essere il candidato della destra repubblicana alle presidenziali del 2017, ma l’ex primo ministro, con il risultato ottenuto domenica al primo turno delle primarie dei Républicains (44,1 per cento), “ha già firmato uno degli episodi più spettacolari della vita elettorale francese”. E non è una sorpresa la vittoria del gollista mite e pettinato, che ha lasciato alle spalle il favorito dei sondaggi Alain Juppé (28,2) e ha eliminato al primo turno quel Nicolas Sarkozy (21) che lo chiamava “Mr. Nobody” quando era il suo delfino, bensì “un capolavoro di mobilitazione, frutto di un lavoro profondo, sul campo e sul programma, iniziato a bassa voce tre anni fa e rivelatosi magistralmente tre settimane fa”.

Merkel, Rajoy, Fillon. Un trio di “liberisti” impenitenti in Europa

Leader liberali controcorrente: la quarta volta della cancelliera, il “Thatcher francese” e Madrid pro rigore fiscale

Anche per Frédéric Saint-Clair, politologo, consigliere di Dominique de Villepin e autore del saggio bestseller “La réfondation de la droite” (Salvator), la vittoria di Fillon non era imprevedibile come la maggior parte degli osservatori francesi continua a ripetere. “La sola sorpresa è rappresentata dalla percentuale di voti che Fillon ha ricevuto in questo primo turno”, dice al Foglio Saint-Clair. “Nessuno poteva immaginare che potesse raggiungere il 44 per cento. Ma a livello di tendenza, tra il primo e il terzo dibattito, si sentiva che qualcosa stava cambiando in favore dell’ex primo ministro. Il termometro dei media ha intercettato troppo tardi questa tendenza, gli esperti si sono sbagliati sulla sociologia del voto, nonostante l’opinione pubblica stesse dando segnali importanti, confermati dall’ultimo sondaggio alla vigilia delle primarie che dava Fillon al 30 per cento davanti a Juppé e a Sarkozy”, spiega Saint-Clair.

 

Secondo il politologo, il vincitore del primo turno delle primarie, “rappresenta oggi l’‘idealtipo’ della destra francese, per riprendere il termine coniato dal sociologo Max Weber”. Alain Juppé “puntava a intercettare il voto della destra moderata che flirta con il centro; Nicolas Sarkozy, invece, una destra più dura con posizioni affini all’estrema destra: tra i due, François Fillon è stato percepito come la sintesi dall’elettorato neogollista, come il puro rappresentante della destra tradizionale. L’autorità mostrata in queste ultime settimane di campagna assieme alla moderazione, sia nei discorsi sia nei comportamenti, sono state premiate dai simpatizzanti dei Républicains, che hanno visto in lui l’incontro di ciò che più apprezzavano di Sarkozy e ciò che preferivano di Alain Juppé”, dice Saint-Clair. Secondo quest’ultimo, il portamento solenne e la capacità di esprimersi in maniera intellegibile a tutti hanno anch’essi giocato a favore del “troisième homme” di queste primarie, che dopo aver incassato l’endorsement di Sarkozy e di Bruno Le Maire, quarto classificato al primo turno di domenica, aspetta soltanto il prossimo 27 novembre per poter poi dedicarsi unicamente alla corsa per l’Eliseo. A oggi, lo scenario più credibile in vista del secondo turno delle presidenziali è Fillon contro Marine Le Pen. Uno scenario che in casa Front national non era stato previsto e che appare come “il peggiore possibile”, secondo quanto confessato a bassa voce da alcuni frontisti. “Quando ascolto Fillon, penso che non ci sia nessun altro migliore di lui”, sussurrava qualche giorno fa un esponente di spicco del Fn.

 

Con il suo cocktail di liberalismo thatcheriano e di conservatorismo sulle questioni di società, come sottolineato dal Monde, Fillon potrebbe “perturbare il gioco” del Fn all’orizzonte 2017. Forte del sostegno di Sens Commun, una delle emanazioni politiche della Manif pour tous, e difensore di una politica estera filorussa, Fillon potrebbe riuscire a intercettare quella “droite hors les murs”, la destra identitaria, che il Fn fatica a includere tra i suoi sostenitori, da quando Florian Philippot, vicepresidente e capofila dell’ala progressista, ha preso il controllo del partito. “Fillon, è lo scenario più difficile per Marine. Era meglio Juppé, che è più caricaturale”, ha detto al Monde un frontista del sud. Alle posizioni conservatrici sulle questioni di società e alla politica estera multipolare, si aggiunge la sua linea dura contro l’immigrazione e l’islam politico: due temi che non lasceranno indifferenti gli elettori potenziali del Fn. Sull’islam, Fillon ha da poco pubblicato “Vaincre le totalitarisme islamique”, libro virulento contro le derive dell’islam, con il quale, ha detto, “la Francia ha un problema”, e contro i gendarmi del politicamente corretto, che per il terrore di essere tacciati di “islamofobia” rifiutano ogni dibattito sulla religione maomettana. Per Frédéric Saint-Clair, è troppo presto per dire se Fillon potrà essere il candidato della “rifondazione della destra”, “ma è sicuramente sulla buona strada”. “Ha capito – conclude – che per rifondare la destra bisogna partire dalle nozioni fondamentali: il liberalismo, il conservatorismo e il cristianesimo”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Mercurio 8

    Mercurio 8

    22 Novembre 2016 - 13:01

    Lasciamo stare la questione islamica in Francia. Milioni di magrebini, mai percepiti prima come musulmani e tanto meno come “islamisti”, vi sono, o meglio vi erano integrati da generazioni (poveri a parte, come sempre). Per capire questa Francia, bisogna immaginare che per essere eletti al Comune di Torino, Forza Nuova abbia stuzzicato i calabresi per anni, associando ’ndrangheta e ‘nduja. Per far finta di far sul serio, avrebbero vietato la ‘duja anche per uso personale. A Torino non so, ma in Francia è andata ormai, e il problema si pone in termini chiari: la sinistra deve fare un accordo con la destra da subito, e votarla al PRIMO turno, o sarà Marine Le Pen la PRIMA presidente donna in Francia. Allora, gli uomini che gli stanno dietro ci faranno desiderare l’arrivo di un moderato come Trump. A noi francesi? No, agli italiani integrati in Francia, che torneranno ad essere gli arabi che erano, negli anni cinquanta. Lo posso garantire per esperienza personale.

    Report

    Rispondi

  • Mercurio 8

    Mercurio 8

    22 Novembre 2016 - 11:11

    Lasciamo stare la questione islamica in Francia. Milioni di magrebini, mai percepiti prima come musulmani e tanto meno come “islamisti”, vi sono, o meglio vi erano integrati da generazioni (poveri a parte, come sempre). Per capire questa Francia, bisogna immaginare che per essere eletti al Comune di Torino, Forza Nuova abbia stuzzicato i calabresi per anni, associando ’ndrangheta e ‘nduja. Per far finta di far sul serio, avrebbero vietato la ‘duja anche per uso personale. A Torino non so, ma in Francia è andata ormai, e il problema si pone in termini chiari: la sinistra deve fare un accordo con la destra da subito, e votarla al PRIMO turno, o sarà Marine Le Pen la PRIMA presidente donna in Francia. Allora, gli uomini che gli stanno dietro ci faranno desiderare l’arrivo di un moderato come Trump. A noi francesi? No, agli italiani integrati in Francia, che torneranno ad essere gli arabi che erano, negli anni cinquanta. Ve lo posso garantire per esperienza personale.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    22 Novembre 2016 - 08:08

    Ma Sarkozy pensa di dover restituire i 60 milioni di euro ricevuti da quel Gheddafi che poi ha provveduto a far uccidere? E cosa intende quando dice che per lui è "l'ora di suscitare più passioni private che pubbliche"? Se si riferisce alla moglie lo capisco: avrebbe dovuto capirlo prima. Ci avrebbe risparmiato i sorrisini ebeti con la Merkel e alla Libia e alla Siria circa 400.000 morti ammazzati.

    Report

    Rispondi

Servizi