Inconscio pro Trump

La sconfitta di Hillary è quella della sinistra che pensava di avere in pugno il senso della storia
Inconscio pro Trump

Un sostenitrore di Donald Trump a Washington (foto LaPresse)

Prima di sapere che Trump aveva vinto, l’altra mattina, dopo essere andato a dormire incerto, ho aperto gli occhi e mi sono detto: “Ha vinto Trump”. Chi me lo aveva annunciato in sogno? Me lo aveva annunciato l’inconscio, quel luogo della cosiddetta interiorità nel quale tendiamo a nascondere molte cose e in cui le idee hanno meno autorità delle intuizioni e degli istinti. In effetti è stato il vasto inconscio sociale degli americani ad abbracciare, come in sogno, Donald Trump...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi