“L’occidente cristiano sotto attacco”

Dal massacro di Rouen alla guerra civile. Intervista a Rémi Brague. Secondo l'intellettuale, la classe dirigente francese ha capitolato quando nel mirino c’erano i cristiani orientali. "Vedo un’ammissione di ciò che le nostre politiche vorrebbero nascondere, vale a dire l’identità cristiana profonda, consapevole o no, della nostra civiltà occidentale.
“L’occidente cristiano sotto attacco”

Omaggio alle vittime di Rouen (foto LaPresse)

Roma. Rémi Brague non è rimasto abbagliato dal tripudio di ecumenismo non soltanto da parte della comunità islamica francese, l’abbraccio multiculturale nelle chiese, il rifiuto della sepoltura islamica al terrorista che ha sgozzato padre Hamel, il concordato stato-moschea voluto da Manuel Valls. Brague non crede neppure alla ritrovata unità fra il cattolicesimo e la République. “La prima reazione, subito dopo Saint-Etienne-du-Rouvray, è stata ovviamente emotiva: il dolore, la compassione, la rabbia”, dice Brague al Foglio. Cattedra di Filosofia alla Sorbona,...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi