In Libia è cominciata la guerra

L’America apre il terzo fronte di guerra contro lo Stato islamico e bombarda Sirte su richiesta del governo Serraj. I “boots on the ground” di Misurata sotto pressione: troppe perdite. Nessun coinvolgimento dell’Italia (per ora) – di Paola Peduzzi
In Libia è cominciata la guerra

Foto LaPresse

Milano. L’America ha aperto ieri in Libia il suo terzo fronte di guerra contro lo Stato islamico, dopo la Siria e l’Iraq. Il governo libico di Fayez Serraj ha chiesto aiuto agli Stati Uniti per sradicare il gruppo di al Baghdadi a Sirte, e il presidente Barack Obama ha dato il suo consenso per una serie di strike mirati che continuerà almeno fino a che la roccaforte non cadrà. Non è la prima volta che gli americani intervengono in Libia,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi