Le bugie, le speranze e le mutande della Brexit

Una rassegna delle copertine dei principali magazine internazionali. Spectator, Economist, New Statesman, Tiempo, New York.
Le bugie, le speranze e le mutande della Brexit

 

L’Economist cerca di buttarla in farsa e issa sul pennone un paio di mutandoni a mo’ di Union Jack, come a dire: la Brexit ci ha lasciato in mutande. E’ anarchia, dice il magazine inglese.

 

 

 

 


 

Don’t panic, dice lo Spectator, magazine conservatore favorevole al Leave. La Brexit può ancora essere un’opportunità, non lasciamoci ingannare dal crollo momentaneo dei mercati. Non solo: l’uscita del Regno Unito potrebbe far bene perfino all’Ue.

 

 

 


 

Da tutt’altro versante politico, il progressista New Statesman trasforma Boris Johnson in un biondo Pinocchio, raccontando una per una le bugie che hanno spinto gli elettori a votare Brexit.

 

 

 

 


 

La scelta del magazine spagnolo Tiempo era obbligata: un Rajoy sorridente, fresco vincitore delle elezioni di domenica scorsa. Le sfide che lo attendono sono ancora dure, prima fra tutte la ricerca dei 39 deputati necessari per ottenere la maggioranza, ma intanto la vittoria è sua.

 

 

 

 


 

Il Magazine New York racconta della nuova vita di Edward Snowden, lo spifferatore dello scandalo Wikileaks riparato in Russia che vive una nuova vita in America da… robot. Uno schermo motorizzato lo porta in giro per conferenze ed eventi, e così uno degli uomini più ricercati d’America si gode una inaspettata libertà.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi