Perché Leonardo va a "fondo"

La holding della Difesa precipita in Borsa, c’entrano i conti e le parole

Perché Leonardo va a "fondo"

Alessandro Profumo (foto LaPresse)

Che Alessandro Profumo non ami la diplomazia è noto fin dagli anni di Unicredit. E l’espressione “toccare il fondo”, usata venerdì nella conference call con gli analisti dopo il taglio di “guidance” (prospettive) nel bilancio previsionale del gruppo Leonardo ha nutrito il “mercato Orso”. La formula usata ha avuto la sua parte nel crollo di Borsa – meno 21 per cento – della holding militare controllata dal Tesoro e fino a marzo capeggiata da Mauro Moretti. Avvicendamento traumatico deciso dal...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    11 Novembre 2017 - 10:10

    La carriera di Alessandro Profumo, su cui il Pd e per ultimo pure Renzi, ha sempre sostenuto e favorito e’ costellata di risultati che le cronache hanno ampiamente riportato. La sua nuova missione pare quella di tirar fuori imprese dal baratro. Staremo a vedere, visti i precedenti. Auguri, comunque.

    Report

    Rispondi

Servizi