Ragioni per non essere allarmisti sulla contabilità degli Npl

Se venisse varata la proposta Bce l'impatto per le banche sarebbe gestibile (13,4 miliardi), non da paventare un "credit crunch"

Ragioni per non essere allarmisti sulla contabilità degli Npl
Lo scorso 4 ottobre la Banca centrale europea ha avviato una consultazione pubblica in merito a un’aggiunta (addendum) al regolamento sulle linee guida in tema di crediti deteriorati (Npl). Ieri il presidente della Bce, Mario Draghi, nel suo discorso introduttivo al Forum sulla vigilanza bancaria, ha rimarcato l’esigenza di intervenire su questo dossier, sottolineando come le banche con un elevato livello di Npl tendano a fornire meno credito a imprese e famiglie. Scopo dell’addendum è delineare alcuni livelli minimi di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi