Perché Draghi è diventato un sorprendente alleato dei lavoratori

Il presidente della Bce ha spesso rivendicato che dalla politica monetaria espansiva è derivata la possibilità per i governi di fare riforme che hanno migliorato le condizioni dei lavoratori e di coloro che dal mercato erano esclusi

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

Perché Draghi è diventato un sorprendente alleato dei lavoratori

Francoforte, la conferenza di Mario Draghi sui tassi d'interesse (foto LaPresse)

Roma. Negli ultimi quattro anni la ripresa economica dell’Eurozona ha portato sette milioni di posti di lavoro in più nell’area. Ma nonostante la discesa del tasso di disoccupazione (all’8,9 per cento a settembre dal 9,9 di un anno prima) i salari devono ancora recuperare.     Una delle voci più autorevoli e insistenti affinché ciò avvenga è stata quella del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, il quale ha spesso rivendicato che dalla politica monetaria espansiva, fatta di tassi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi