Nero non per caso

Fisco, burocrazia, ideologia gauchista nutrono l’economia sommersa

Nero non per caso

Uomo allo specchio, Magritte

Ammonta a 208 miliardi l’economia sommersa e illegale stimata dall’Istat per il 2015, il 12,6 per cento del pil italiano. Una buona notizia è che dopo gli aumenti negli anni di crisi più acuta, il trend si è ridotto di mezzo punto. Una seconda buona notizia è che la quota per attività illegali e criminali, indotto compreso, è minima: 17 miliardi. Questo smentisce, se non certo l’esistenza di mafia, camorra e ’ndrangheta, il peso che l’immaginario collettivo attribuisce alla “piovra”....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi