Consumi, mutui, banche. Manifesto dell’ottimismo firmato Patuelli

Le compravendite migliorano, la ricchezza aumenta. La commissione sulle banche? “Un’occasione d’oro”, dice il capo dell’Abi

Consumi, mutui, banche. Manifesto dell’ottimismo firmato Patuelli

Antonio Patuelli (foto LaPresse)

Antonio Patuelli, imprenditore, numero uno dell’Associazione bancaria italiana, lo dice con un sorriso, ma lo dice serio, senza ironia. “Per i professionisti del pessimismo ci sono altre terribili notizie: le buone notizie, purtroppo, non sono ancora finite”. Patuelli prende un foglietto di carta, lo srotola sul tavolo di fronte a sé e inizia a leggere. “Da giugno a luglio, i prestiti alle imprese sono saliti dello 0,5 per cento e quelli alle famiglie sono saliti del 2,7 per cento. I...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    15 Settembre 2017 - 18:06

    Caro Foglio, i miei ultimi due commenti delle 16.04 (dedicato) e quello che compare stranamente alle 13:01 sono stati scritti in sequenza: infatti spiega la fonte dei dati "La Stampa" che scrivo in quello dedicato. Essendo l'ultimo, per questo ho scritto"sotto" (cioè all'ultimo delle 16:04). Grazie del tempo dedicatomi. Take care of yourself.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    15 Settembre 2017 - 16:04

    A lorenzolodigiani "Potrebbe fare di più"non è quello che dicono tutte le maestre a tutte mamme in tutto il mondo dall'Homo sapiens ai sapiens sapiens(noi)):fare di più non di quanto abbiamo fatto noi singoli o chi ci governa/governato ma quanto gli altri(da scolari,nel lavoro o nella vita,tra i paesi UE)fanno rispetto a noi:solo chi si guarda e si commisura con lo specchio di se risulterà sempre bravino (se stesso) al minimo sussulto, mentre la comparazione con gli altri (comparabili poichè omogenei nella struttura) sulla qualiquantità delle manovre, ovvero, chi, quanto come e dove favorisce il miglioramento. Nel nostro caso,abbiamo sbagliato la mira che è un modo intelligente di misurarsi con gli obiettivi (nostri con gli altri):la diminuzione citata doveva essere una manovra su altre attività e aumentarla nell'attività di impresa. Solo i narcisi amano misurarsi con se stessi, più efficace è misurararsi con quelli che sono o uguali o migliori di noi nel nostro caso FRA,SPA,GER.

    Report

    Rispondi

    • lorenzolodigiani

      15 Settembre 2017 - 21:09

      Sono sostanzialmente d'accordo con lei. Il mio non e', pero', narcisismo. Riconosco i miei limiti che sono anche quelli di molti altri e che non impediscono di agire in modo positivo. Ognuno di noi ha qualcuno meglio di noi.

      Report

      Rispondi

  • lorenzolodigiani

    15 Settembre 2017 - 15:03

    Potrebbe fare di piu'. E' il tormentone che mi accompagna fin dalle scuole elementari e che la maestra ripeteva ogni volta a mia madre. Per questo sto con Cerasa e riconosco i progressi del nostro paese, dovuti a motivi congiunturali, ma anche alle riforme portate a termine con grande difficoltà dai recenti governi. Ho letto l'ultimo articolo di Cottarelli sul Foglio. Ha competenza ed onesta' intellettuale. Ci ha indicato saggiamente quanto ancora si deve fare, pur apprezzando quanto e' stato fatto. Dobbiamo tenerne conto.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    15 Settembre 2017 - 13:01

    Quanto espresso "sotto" da La Stampa (Franceso Spini inviato a Cernobbio di base alla relazione del presidente Confcommercio 09/04/2017)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi