Visti dall'Istat

Check-up d’Italia con il presidente Alleva. Tra diatribe statistiche, stime caute e pil che va (più 1,5 nel 2017)

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

Visti dall'Istat

Giorgio Alleva (foto LaPresse)

Roma. Quando, come in questo frangente, migliorano i dati sulla crescita e sull’occupazione è difficile che pubblico e media riconoscano il successo. E sotto scrutinio finisce chi fabbrica i dati. Sono infatti cicliche le polemiche sulle statistiche macroeconomiche. Chiediamo a Giorgio Alleva, presidente dell’Istat, se lo spiazzamento non sia giustificabile: in fondo è bizzarro notare che nel mercato del lavoro c’è una tendenza regolare alla crescita dell’occupazione mentre il tasso di disoccupazione resta testardamente alto (11,3 per cento). Come stanno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi