L'azzardo di una manovra elettorale

Meglio prepararsi alla fine del Qe che adescare voti con più spesa pubblica

L'azzardo di una manovra elettorale

A oltre sei anni dall’inizio delle misure non convenzionali della Banca centrale europea, l’azione del Quantitative easing come agente narcotizzante delle spinte centrifughe dell’Eurozona è stata ampiamente assolta e raggiunta. Secondo l’ultimo Ebi della Sentix, soltanto l’8 per cento dei mille manager interpellati mensilmente ritiene probabile l’uscita di almeno un paese dall’area euro nel prossimo anno. Le tempistiche della riduzione degli stimoli inaugurati nel mandato di Mario Draghi verranno probabilmente discusse a settembre e ottobre. L’obiettivo della Bce di un tasso di inflazione di fondo vicino al 2 per cento è però ancora lontano ed è un fattore che può ritardare la moderazione degli acquisti di titoli pubblici, il “tapering”.

 

Dal punto di vista dei governi dell’area euro, e in particolare di quello italiano, sarebbe imprudente temporeggiare e attendere che la Bce assesti le sue scelte cullandosi nell’attuale miglioramento congiunturale dei dati economici. E’ quindi opportuno chiedersi quale sia l’obiettivo della prossima legge di Stabilità: le elezioni 2018 o la fine del Quantitative easing nello stesso periodo? Ovvero se cedere alla tentazione di adescare consenso, magari con misure spostate sull’ambito pensionistico, ergo maggiore spesa pubblica, oppure se prepararsi, con responsabilità, a quando la Bce non farà più da tutore. Il ritorno alla normalità della politica monetaria comporta un ritorno alle ben note preoccupazioni degli investitori e delle agenzie di rating verso l’Italia: high debt levels.

 

Il rapporto debito/pil è sostanzialmente stabile al 134 per cento. La crescita del pil nel 2017 (tra l’1,3-1,5 per cento secondo diverse stime) può essere un sollievo su cui però non si può fare affidamento. Il tasso di espansione massimo che l’economia italiana può raggiungere in modo stabile resta infatti deprimente. Per Fitch la crescita potenziale è dello 0,4 per cento a causa del persistente calo della produttività registrato negli ultimi dieci anni, in coda rispetto alle economie avanzate. Non si vede una inversione di rotta, dice l’agenzia di rating. Bisogna rendersi conto che l’economia italiana è divisa in due: tra aziende del settore pubblico allargato, vicine alla politica, con un processo produttivo inefficiente, e un’altra parte di imprese private, dove la produttività in genere non va male (anche se rimangono mediamente sottodimensionate e sottocapitalizzate). Concedere a privati la gestione di società pubbliche periclitanti – come il referendum dei Radicali propone di fare con l’Atac, un inizio – risolverebbe una parte del problema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    02 Settembre 2017 - 11:11

    Renzi ed il suo Pd purtroppo vivono di spesa pubblica. Questo e' il guaio più grosso, per il loro e nostro futuro. E siamo in molti a temere che nel 2018 ci sarà la resa dei conti non solo elettorale. Bene ha fatto il magnifico Fondatore a ricordare anche oggi che l'unico ragionevole salvagente non può che essere un Nazareno ripescato si spera con maggiore senso di responsabilità ed un bagno salutare di umiltà. Non e' più tempo di capricci, dice con tanto buon senso Ferrara, augurandovi d'essere ascoltato. Ma, mi pare, senza ottimismo.

    Report

    Rispondi

Servizi