C'è un grande assente nell'estate del nostro contento. Si chiama Casa

Sarà la vivacità interna dell'economia a dover trainare il mercato immobiliare. Parlano Monducci (Istat) e Dondi (Nomisma)

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

C'è un grande assente nell'estate del nostro contento. Si chiama Casa
Roma. A dieci anni dall’innesco della crisi finanziaria, l’economia italiana per la prima volta manifesta una vivacità propria e non più legata solo a influenze esterne. La doppia recessione alle spalle ha selezionato le imprese più solide. Nel 2017 la produzione industriale cresce da cinque mesi consecutivi. A giugno l’Italia ha fatto meglio (più 1,1) di Germania (meno 1,1) e Francia (meno 1,1). Nel secondo trimestre i comparti tipici del manifatturiero avevano segno positivo (farmaceutico, petrolifero, mezzi di trasporto in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi