Nella giungla del nostro Fisco esiste già la flat tax. Ma è quella sbagliata

Un Frankenstein fiscale in Italia, con effetti negativi sul fronte della redistribuzione e della ricchezza. Uno studio

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

Nella giungla del nostro Fisco esiste già la flat tax. Ma è quella sbagliata
Roma. Uno dei commenti più lucidi alla proposta di riforma fiscale lanciata dall’Istituto Bruno Leoni è quello del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan: “La flat tax è l’esatto opposto delle spese fiscali, perché rappresenta il sistema più semplice possibile, e quindi trasparente – ha detto in un’intervista al Sole 24 Ore – Sono affascinato dalla proposta sul piano intellettuale, ma avanzo un’obiezione banale:  la vera domanda è a quale livello fissare l’aliquota, e mi pare che il 25 per cento...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi