Chi non è protezionista alzi la mano

Eccessi franco-italiani nella questione Fincantieri. E le ragioni pratiche

Chi non è protezionista alzi la mano

La decisione di nazionalizzare i cantieri navali di Saint-Nazaire voluta dal presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto il plauso della rivale Marine Le Pen. Ciò conferma che la questione della mancata cessione del controllo del porto militare a Fincantieri andrebbe inserita nella categoria dello sciovinismo. Da parte francese la difesa di un bene strategico è legittima, ma esaltare il risultato come fosse una vittoria in battaglia pare esagerato. Soprattutto se nel farlo si accentua il disagio di una nazione membro della comunità europea qual è l’Italia. È altrettanto disarmante la reazione di alcuni media italiani che tacciano i francesi di protezionismo. “Parigi vuole i cantieri di stato”, titola il Corriere della Sera. Ma con Fincantieri – che è pubblica – non sarebbero comunque di stato, quello italiano? Se chi non è protezionista fosse invitato a scagliare la prima pietra, l’Italia non potrebbe certo muovere un muscolo. C’è una lunga teoria di azioni difensive verso operazioni estere. La recente opposizione in blocco dell’apparato statale alla “strategica” Mediaset contro la scalata di Vivendi. L’alt di Amato con un decreto ad hoc verso Edf, azienda elettrica francese che aveva preso il controllo di Edison con Fiat, nel 2001. Il nein del governo D’Alema alla fusione tra Telecom Italia e Deutsche Telekom nel 1998. E altre. La Francia ha preso la pragmatica decisione di non lasciare il comando di un asset militare a una società pubblica come Fincantieri che ha una struttura largamente inefficiente e per nulla redditizia e somiglia più a una “one man company” di Giuseppe Bono – al vertice da oltre un decennio – che a un’impresa multinazionale dinamica dal momento che ha perso l’attimo per dotarsi di un piano di successione manageriale credibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    29 Luglio 2017 - 16:04

    La francia, diceva la vecchia OAS fascista è l'Africa, senza "l'Afrique" non c'è la France: nel 1882 hanno iniziato col Marocco e poi più giu, con la logistica degli avi di Bollorè a far fortuna(quando quelli del buon Cavaliere girovagavano in Brianza); a ciò aggiungi lo sciovinismo da Le Pen a Melanchon con in mezzo l'attuale "corto francese" tipico prodotto de l'etablisement francese e mettici anche ex primi ministri italiani che "studiano" il francese....... beh...mi metto davanti allo specchio e dico "italiano Nambikwara, guelfo o ghibellino non importa, facce ride". Redazione, vi saluto con un "grido" "Padoan & Calenda su la testa perbacco, siamo uomini o caporali?" ((chissà perche mi viene in mente la scena, dal capolavoro di Monicelli La Grande Guerra, dei 2 soldati italiani il romano Oreste Iacovacci e il milanese Giovanni Busacca (Sordi e Gasman) alle prese con l'ufficiale austriaco...o francese? o tedesco?)).

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    29 Luglio 2017 - 09:09

    L' amministratore di Fincantieri Bono, risultati alla mano, non mi pare sia proprio quel disastro che voi dipingete. I recenti accordi con la Cina in materia progettuale di cantieristica da crociere, benedetti dal governo e salutati con plauso dal presidente della Repubblica credo testomonino che l' azienda si muove bene anche sul piano della politica commerciale internazionale, e non solo nell'acquisizione di un ricco pacchetto di commesse, garanzia di sviluppo e lavoro. Confesso infine, pur avendo avuto il piacere di conoscerlo, di non sapere se il dottor Bono politicamente sia renziano o meno. Ma non me ne faccio un cruccio. Gianfranco Trombetta

    Report

    Rispondi

Servizi