Fallimento e liberalizzazione, così possono ripartire i trasporti a Roma

Liberalizzare significa fare vincere il più efficiente ed eliminare gli sprechi esistenti che chiaramente esistono in Atac

Fallimento e liberalizzazione, così possono ripartire i trasporti a Roma
Viva la trasparenza e abbasso gli sprechi! Questo motto grillino sarebbe davvero utile in questo momento per ATAC che si trova sull’orlo del fallimento e dell’ennesimo cambio al vertice. L’azienda di trasporto pubblico controllata dal Comune di Roma continua a perdere soldi, ma quel che è più grave è la situazione debitoria che vede esposta ATAC per oltre 1,3 miliardi di euro.   Una situazione così grave che ormai si parla apertamente di fallimento o di concordato preventivo. Una soluzione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    28 Luglio 2017 - 17:05

    Rota, prima di arrivare a Roma in ATAC, non veniva dalla Nigeria ma era responsabile della A.T.M di Milano che andava e va molto bene: l'ATM è pubblica. Quindi evitiamo i dogmi: il privato va sempre bene e il pubblico l'opposto. Qualcuno le "lacrime e sangue" ( dopo decenni di non gestione) di cui parlava Rota dovrà pur farle.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      28 Luglio 2017 - 19:07

      Sì! I contribuenti italiani che pagheranno anche l'acquisto grillino dei voti dei dipendenti Atac più parenti e affini.

      Report

      Rispondi

Servizi