Elogio della buonuscita

Il caso Cattaneo, i conti del droghiere e un istituto da non denigrare

Elogio della buonuscita

Flavio Cattaneo (foto LaPresse)

La buonuscita è un bell’istituto da economia 0.0, la vecchia reputazione bottegaia che si traduceva in compenso economico al momento del passaggio di proprietà. L’avviamento come si diceva allora contando i clienti come ora si conterebbero i like o i clic. La liquidazione è una delle invenzioni del welfare italiano, un accantonamento annuale pari a una mensilità da raccogliere a fine carriera (paternalismo di stato e generazione di risorse finanziarie a basso costo per autofinanziare le aziende, custodi, fino a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    26 Luglio 2017 - 10:10

    A proposito di contratti e buone uscite, mi scusi direttore Cerasa, ma la collaborazione governativa di Alfano e Lupi ( proclamatisi non alleati del Pd, bensì semplici collaboratori) e' pagata con i nuovi voucher? Politici, s'intende. E prevede pure una non si sa quanto ricca buonuscita? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    26 Luglio 2017 - 10:10

    Mettiamola così: Tim ha risparmiato 25 milioni, dato che inizialmente la buonuscita prevista in caso di siluramento era di 50. Detto questo è la più alta liquidazione mai avuta in Italia per anno lavorato (16 mesi). Invito però l'autore di questo articolo ad informarsi meglio riguardo al clima aziendale. Scrive: "Non si sentono però voci sindacali soddisfatte per la sua uscita né il suo anno di gestione ha causato sollevazioni sindacali o semplicemente aumenti di tensione percepibili". In 6 mesi ci sono state 3 giornate di sciopero, la prima unitaria e le altre due di SLC-CGIL (RSU maggioritaria), più vari presidi e ore di uscita anticipata. Questo per parlare di "sollevazioni sindacali" e "aumenti di tensione percepibili", in un'azienda i cui lavoratori non sono abituati a questo genere di lotta. Prendere spunto solo dai tg, come sembra abbia fatto l'autore di questo articolo, porta poi a scrivere certe cose, dato che la copertura mediatica degli scioperi è stata quasi pari a zero.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    26 Luglio 2017 - 10:10

    Un conto è l'elogia della buonuscita, un altro il compenso scandaloso della liquidazione di Cattaneo. Per il vero non solo di lui ma di tutti i cosiddetti manager, pubblici e privati che siano.

    Report

    Rispondi

Servizi