Lo stato sociale va in pensione

Il “modello” italiano è proteggere gli anziani e dar problemi a tutti gli altri

Lo stato sociale va in pensione

Foto LaPresse

Come ha scritto Luca Pesenti, docente dell’Università Cattolica, sul Foglio online, l’incidenza della povertà assoluta per classi di età è davvero sorprendente. Infatti diminuisce esclusivamente per chi ha 65 anni (da 4,1 a 3,8 per cento degli individui), ma per tutti gli altri continua a crescere, anche se di poco tra i 18 e i 64 anni (più 0,1 punti percentuali) e invece di tanto (più 1,6) tra i minorenni. Conseguentemente, se si passa dal livello individuale a quello dei...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Luglio 2017 - 17:05

    Italia povera però vari miliardi per andare ad ascoltare i canzonettari ( migliaia ogni giorno ) ed altre manifestazioni e pure scolare birra a fiumi ogni si trovano sempre. le famiglie non arrivano a fine mese perchè la paga se la spassano i giovani i quali ,quelli di oggi, sono la generazione dei più scemi dalla fine della guerra e tutti i metri a penzà doverosamente farlocchi ritengono che la saggezza ( il no al referendum e il no a tutto ) risieda nelle teste vuote dei giovanni . Basta vederli in tv saltellare le braccia alte e gli occhi vuoti.Per non parlare di dei robot che si muovono al ritmo ossessivo della misica elettronica ( musica ?) .

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    15 Luglio 2017 - 11:11

    Chi promuove e gestisce la spesa pubblica altissima e meno efficiente del mondo sono, a dar rette alle più accreditate analisi del voto, il nuovo bacino elettorale del Pd. Ne consegue che...

    Report

    Rispondi

Servizi