Il nemico immaginario "digitale"

La reazione mediatica al rapporto Agcom rivela un atteggiamento retrò

Il nemico immaginario "digitale"
Alla ottima (per analisi) e abbondante (per dati) relazione alla Camera dell’Agcom, l’autorità per le comunicazioni, i grandi giornali hanno reagito al solito: “Serve una legge per combattere i colossi del web”, mentre l’avanzata del digitale viene vista come minaccia, anziché opportunità; o meglio l’ultima spiaggia per l’industria italiana della comunicazione. Che è sì cresciuta nel 2016 dell’1,5 per cento, più del pil; ma al suo interno i media, pure in crescita (3,9), presentano profonde differenze: la carta stampata scende...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi