Lavoro, en marche! Pedagogia e pragmatismo per portare la Francia oltre la modernità

Perché Macron ha l’occasione inedita di rivoluzionare le relazioni industriali. Parla Bernard Spitz, presidente della divisione internazionale ed europea del Medef, la Confindustria francese

Lavoro, en marche! Pedagogia e pragmatismo per portare la Francia oltre la modernità

Foto LaPresse

Roma. Nei suoi discorsi inaugurali al Parlamento, il neo presidente francese Emmanuel Macron ha promesso una “autentica rivoluzione”, credibile, per dare energia a una politica sfibrata attraverso il movimento centrista, e fuori dagli schemi tradizionali, En Marche!. Per cercare di trasformare le ambizioni riformiste in sostanza l’ex banchiere d’affari Rothschild ha attinto dal bacino delle élite di casa, l’Ena, nella scelta delle persone a lui vicine senza dimenticare le esigenze del mondo del business. Tra i consulenti di Macron c’è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi