La profezia di Sutherland in Germania

Così si è dissolta l’identità tedesca nella capitale finanziaria d’Europa

La profezia di Sutherland in Germania

La sede di Francoforte della Bce

Nel 2012 il rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la migrazione internazionale, l’irlandese Peter Dennis Sutherland, diceva ai suoi colleghi che l’Europa “dovrebbe fare del suo meglio per indebolire (to undermine)” la “omogeneità” nazionale dei suoi paesi membri. Forse Sutherland, già presidente non esecutivo di Goldman Sachs International e commissario europeo per la Concorrenza sotto la presidenza di Jacques Delors, potrà dirsi parzialmente soddisfatto di questi tempi. Il suo augurio si sta infatti realizzando nel cuore finanziario dell’Europa continentale, a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • angelo54

    06 Luglio 2017 - 10:10

    Evviva la sincerità. Ormai tutti dovrebbero aver capito che ONU e Goldman Sachs sono diventate associazioni a delinquere assai più pericolose, per noi Europei, della mafia e della camorra. Vedasi anche in altro articolo la questione Unesco/Gerusalemme.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    06 Luglio 2017 - 08:08

    Così l'immigrazione ci salverà dalla terza guerra mondiale. Resta da vedere se la nuova identità potrà essere definita Eurabia , Eurasia o chissà che cosa.

    Report

    Rispondi

Servizi