Emiliano parla di Veneto ma riesuma "scheletri" bancari dalemiani e pugliesi

Perché il governatore della Puglia, stracciato nelle primarie del Pd sposta la guerra anti-Renzi e anti-governo sul fronte bancario

Emiliano parla di Veneto ma riesuma "scheletri" bancari dalemiani e pugliesi
Roma. Ma che c’entra Michele Emiliano con le popolari venete? E perché il governatore della Puglia, stracciato nelle primarie del Pd sposta la guerra anti-Renzi e anti-governo sul fronte bancario, definendo “invotabile” il decreto sul salvataggio della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca e il trasferimento a Intesa dei due istituti depurati degli asset passivi? Emiliano dice che si “esasperano le tensioni sociali” agitando una disparità di trattamento con Mps, che pure è stata salvata dal Tesoro divenuto azionista...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    06 Luglio 2017 - 09:09

    A proposito di Emiliano, mi tormentano due misteri, uno istituzionale e l'altro politico. Mi spiego. Emiliano e' un magistrato in organico che ha la responsabilità di governatore della Puglia. Emiliano e' un dirigente politico che non si attiene alle decisioni della maggioranza del partito cui e' iscritto, al punto di chiedere pubblicamente ai compagni di non votare i provvedimenti di un governo voluto, guidato e sostenuto dal suo partito. Come ciò possa essere democraticamente ed istituzionalmente consentito e' appunto il mistero che mi tormenta, nella consapevolezza che la questione non riguarda solo il Pd.

    Report

    Rispondi

Servizi