Avviso da Londra ai sovranisti d'Italia

Lo spauracchio della Brexit sta già deprimendo l’economia del Regno Unito

Avviso da Londra ai sovranisti d'Italia

Non sono giorni facili per il Regno Unito. Neppure per l’economia. Il pil del primo trimestre 2017 è cresciuto dello 0,2 per cento, rispetto allo 0,6 dell’Unione europea e allo 0,4 dell’Italia. E’ il peggior risultato dal 2012, prima di una crescita vivace che (allora) suscitava invidia nell’Eurozona. Oggi al contrario è l’inflazione a salire al 2,9 per cento, ben oltre il 2 stimato dalla Bank of England; che ora è di fronte al dilemma se aumentare i tassi d’interesse, dopo avere appena annunciato (sulla base appunto di previsioni errate) di lasciarli allo 0,25 per cento. Ma la stretta deprimerebbe ulteriormente i consumi, in calo a maggio dell’1,2 per cento, a cominciare dagli alimentari. Conseguenza di salari reali in declino e delle incertezze sulla Brexit e sul governo di Theresa May. Mentre l’Occasional paper di Banca d’Italia stima che senza un accordo di circolazione economica si rischiano dazi del 5 per cento in entrata e uscita: che penalizzerebbero marginalmente l’Europa, ma infinitamente di più il Regno Unito, paese importatore.

 

Questa ondata di umore nero e cifre negative fa il paio con l’instabilità politica e con gli annunci di trasferimenti di aziende e istituzioni e licenziamenti di personale. In compenso, secondo il Pew Research Center, il favore degli inglesi verso l’’Unione europea è risalito al 54 per cento, dal 44 di un anno fa. Morale per i sovranisti italiani – grillini, leghisti, fratelli e sorelle d’Italia – ci avevano venduto la Brexit come un successo e una straordinaria prova di democrazia, per gli inglesi, da replicare da noi come un felice esercizio di sovranità-tà-tà. Alla larga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    19 Giugno 2017 - 10:10

    Calma, ragazzi, il risultato della Brexit si conoscerà solo nel medio-lungo periodo. Elettori inglesi pro brexit intervistati dopo il referendum pronosticavano addirittura un peggioramento dell'economia nel breve periodo, nonostante ciò non si fecero influenzare e mantennero il loro "leave". Intanto rimane di sicuro il grande esercizio di democrazia del referendum, che a noi viene costantemente negato, anche per questioni "minori" (tipo voucher). O volete negare anche questo?

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    18 Giugno 2017 - 23:11

    Calma, ragazzi, il risultato della Brexit si conoscerà solo nel medio-lungo periodo. Elettori inglesi pro brexit intervistati dopo il referendum pronosticavano addirittura un peggioramento dell'economia nel breve periodo, nonostante ciò non si fecero influenzare e mantennero il loro "leave". Intanto rimane di sicuro il grande esercizio di democrazia del referendum, che a noi viene costantemente negato, anche per questioni "minori" (tipo voucher). O volete negare anche questo?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    17 Giugno 2017 - 12:12

    Forse perchè stanchi di piangersi addosso per i fatti italici ora i media italiani stanno riprendendo fiato per le disavventure di Trump e May ( è lei che ha incendiato il grattacielo ,urca!) in castigo e sono in trepida attesa che il fantastico Macron esca dal coma vigile nel quale per ora si è nascosto. Quando si riprenderà molta pars dei media italiani esulteranno nel disinteresse ,più che giustificato ( macheccefrega de Macron) , degli italiani ,i quali molto si preoccuperanno quando il giovinotto unirà la force de frappè francese con le panzer divisionen di Angela e ci faranno il paione. Forza Emmanuel Jean-Michel Frederic .Forse un nobilotto di campagna uno di quelli che nel 1789 si unirono ai sanculotti per strapazzare la nobiltà vera ( ma sì inutile ) di Francia .

    Report

    Rispondi

Servizi