In Europa l'occupazione cresce. Un altro schiaffo ai populisti

Secondo Eurostat nel primo trimestre 2017 la crescita è stata dello 0,4 per cento. Nei paesi dell'Unione gli occupati sono 234 milioni: massimo storico

In Europa l'occupazione cresce. Un altro schiaffo ai populisti

Il numero delle persone impiegate in Europa è aumentato dello 0,4 per cento rispetto al trimestre precedente sia nell’area euro che nei 28 paesi dell’Unione. E quanto scrive Eurostat nel suo rapporto Euroindicators. L’occupazione è aumentata anche rispetto allo stesso trimestre del 2016, dell’1,5 per cento nell’area euro e dell’1,4 per cento nei 28 paesi dell’Unione, dopo una crescita più contenuta (rispettivamente 1,4 per cento e 1,1 per cento) registrata nell’ultimo trimestre del 2016. 

 

 

L’Italia, con una crescita dello 0,3 per cento rispetto al trimestre precedente, ed una crescita dell’1% su base annua, è al di sotto della media. Secondo le stime dell’istituto gli occupati sono 234,2 milioni nei 28 paesi dell’Unione, 154,8 milioni nell’area euro, si tratta del livello più alto mai raggiunto in entrambe le zone.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    14 Giugno 2017 - 19:07

    Sarà forse uno schiaffo ai populisti europei. I grillini italiani, invece, trarranno nuova linfa dal terrore dei loro elettori di dover iniziare a lavorare invece che ricevere il sussidio promesso.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    14 Giugno 2017 - 15:03

    Non so se è un altro schiaffo ai populisti, ma la disoccupazione in Italia segna il passo.Del resto non sembra essere una priorità quella di aumentare l'occupazione, anche da parte dei populisti per il vero che si preoccupano di euro, Europa e migranti.

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    14 Giugno 2017 - 15:03

    Macron inizia a fare i miracoli.

    Report

    Rispondi

Servizi