L'Europa coinciderà con l'Eurozona?

Si parla di allargare l’area euro nell’anno in cui era data per spacciata

L'Europa coinciderà con l'Eurozona?

Pierre Moscovici (foto LaPresse)

Se il 2016 è stato un anno orribile per l’establishment occidentale con il voto nel Regno Unito per lasciare l’Unione europea e l’elezione di Donald Trump negli Stati Uniti, quest’anno molti osservatori avrebbero scommesso sulla deflagrazione della moneta unica, e dell’Eurozona di conseguenza. Geert Wilders non ha sfondato in Olanda. In Francia ha vinto le presidenziali il candidato europeista e riformista Emmanuel Macron. In Germania sembra che i cristiano-democratici della cancelliera Angela Merkel continueranno a mantenere il potere alle elezioni federali in autunno. Il motivo principale per cui i partiti riformisti e di centrodestra hanno sconfitto le nuove formazioni populiste e anti euro – oltre a una scelta razionale degli elettori – è che l’economia continentale va meglio grazie agli stimoli prodotti dal 2015 dalla Banca centrale europea di Mario Draghi (e in via di esaurimento).

 

Tuttavia in pochi avrebbero detto che l’euro potesse ruggire ancora. Eppure i commissari responsabili per le politiche dell’euro Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici hanno discusso l’opportunità di introdurre tutti gli stati membri dell’Unione europea nell’Eurozona entro il 2025, ha rivelato la Frankfurter Allgemaine la sera di lunedì. I paesi interessati sarebbero Danimarca, Svezia, Polonia, Croazia e Repubblica ceca. Difficile che si arrivi a trascinare nell’euro stati che intendono difendere la propria sovranità monetaria. Ma per quanto appaia un wishful thinking, dimostra che l’euro è vitale proprio nell’anno in cui doveva morire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    28 Maggio 2017 - 14:02

    Perchè l'aver discusso, da parte dei commissari responsabili per le politiche dell'euro Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici, di introdurre tutti gli Stati dell'Unione Europea nell' 'Eurozona' dovrebbe dimostrare che l'euro è vitale? Dimostra solo il desiderio dei due commessari! Perchè, poi, augurarsi di trascinare nell'euro stati che intendono difendere la loro sovranità monetaria? Si rispetti la loro volontà e non si trascini nessuno (se non appunto a livello appunto, di un proprio wishful thinking intrapsichico).

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    24 Maggio 2017 - 11:11

    Gli svedesi, beati loro, dissero no con un referendum all'euro. Ma poi, leggendo anche i commento di vari economisti, pubblicati sul Foglio qualche giorno fa,si evince in soldoni che (almeno per l'Italia) non bisognava entrare nella moneta unica e ora è impossibile uscirne. Ammesso che sia vero (anche i cosiddetti esperti toppano, e sovente), l'auspicio che posso fare a questi paesi "candidati", vista la nostra esperienza, è di pensarci bene. Molto.

    Report

    Rispondi

Servizi