L'Ue promuove la manovrina, ma rimanda l'Italia all'autunno

Arriva la pagella di Bruxelles. Moscovici: “Nel 2017 rispettati i requisiti del Patto di Stabilità e Crescita”. Per il 2018, però, servirà uno sforzo: “Reintrodurre l'Imu sulla prima casa per i redditi più alti”. Padoan: “Non è una buona idea” 

L'Ue promuove la manovrina, ma rimanda l'Italia all'autunno

Pierre Moscovici (foto Ap)

Magari non è una pagella da primi della classe, ma quella che arriva da Bruxelles è comunque una promozione che conferma che l'Italia è sulla strada giusta. Stamattina la Commissione Ue ha infatti pubblicato le “raccomandazioni” per il nostro Paese. Nulla, o quasi, da eccepire rispetto al 2017 (“le misure richieste sono state adottate e non sono necessari altri interventi”). Mentre per il 2018 bisognerà aspettare l'autunno. 

 

La manovrina adottata dal governo Gentiloni, spiega il commissario agli Affari Economici Pierre Moscovici, “ci permette di prevedere che l'Italia rispetterà in termini generali” il Patto di Stabilità e Crescita. Nessuna misura addizionale è “necessaria in questa fase” anche se, aggiunge, la Commissione rivaluterà il rispetto della regola del debito in autunno: “Avremo un ulteriore rendez-vous con le autorità italiane. Ma oggi le notizie sono positive".

 

 

Insomma, per ora la Commissione, come previsto, non fissa obiettivi e non dà cifre. Non fosse altro perché, prosegue Moscovici, “un aggiustamento di bilancio troppo importante per alcuni paesi rischierebbe di essere controproducente e di limitare il potenziale di crescita nel 2018”. Se ne riparlerà quindi in autunno anche se, nelle sue raccomandazioni, Bruxelles chiede comunque qualcosa al governo: come la reintroduzione della tassa sulla prima casa sui redditi più alti, ridurre la lunghezza dei processi civili, completare le riforma del pubblico impiego, ridurre i crediti deteriorati. “Per mantenersi in linea con il patto di Stabilità e assicurare la sostenibilità di conti - scrive Bruxelles - l'Italia sostanziale aggiustamento di bilancio”.

E se qualcuno pensa che eventuali elezioni anticipate possano servire a rinviare la questione Moscovici è più che netto: “Le elezioni non interrompono gli obblighi dell''Italia. Le regole sono le regole e, come si dice, 'pacta sunt servanda'”.

 

Padoan dice no. Ma da governo arriva una risposta negativa alle raccomandazioni di Bruxelles. E in particolare sulla reintroduzione dell'Imu. “Cambiare idea su un'altra tassa cambiata da pochi mesi - commenta il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan - non è una buona idea”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Bunnie

    23 Giugno 2017 - 11:11

    Le idee su come e dove prendere i soldi sono moltissime. Su dove eliminare gli sprechi, le inefficienze e le altre cose che inchiodano l' Italia non si sentono voci a destra così come a sinistra. Chi ne parla viene accompagnato all' uscita e sostituito con qualcuno più allineato.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    22 Maggio 2017 - 16:04

    Andiamo al sodo: “Imu sulla prima casa per i redditi più elevati.” Sarebbe pure in linea col dettato Costituzionale che prevede la progressività della tassazione, infatti sulle case oltre la prima l’Imu c’è già. Ma siamo in Italia. Il paese con la più alta percentuale di "proprietari di prime case". Oltre il settanta per cento e la propensione a "farsi la casa" è ancora il sogno degli italiani. Per avere un gettito che abbia un senso monetario, sarebbe necessario iniziare a tassare, con Imu, tutti i proprietari con reddito annuo lordo di €40.000 Con la equa distinzione tra singoli e famiglie e pure, del numero dei componenti, non percettori di redditi, delle famiglie stesse. Un caos burocratico senza fine. Non solo, roba oscena, sarebbe il colpo di grazia alla classe media e, un regalo agli evasori: continuerebbero a non pagare: quelli in regola inizierebbero. Limite a € 80.000? Il gettito sarebbe irrilevante. La soluzione c’è: tutti francescani. Oddio, alla Grillo mi starebbe bene.

    Report

    Rispondi

Servizi