Il risveglio del gigante giapponese

Il filo comune tra Draghi e Kuroda, le differenze tra Tokyo e Roma

Il risveglio del gigante giapponese

Haruhiko Kuroda (foto LaPresse)

A ricevere Donald Trump oggi a Riad ci sarà, alle spalle del principe saudita Mohammed bin Salman, l’uomo d’affari più dinamico del Sol levante, così diverso dall’immagine tradizionale del Giappone: Masayoshi Son. Azionista di controllo di Softbank e promotore di un gigantesco fondo dedicato agli investimenti in tecnologia: Vision, progetto da 100 miliardi di dollari, finanziato per metà dai sauditi (a caccia di alternative al petrolio) e rivolto in parte a far shopping in Usa. Masayoshi è una figura emblematica...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi