Dopo Visco, Visco

Il rinnovo è possibile. La partita di Gentiloni e Mattarella per non destabilizzare Bankitalia

Dopo Visco, Visco

Ignazio Visco (foto LaPresse)

Roma. Mancano pochi mesi ma la partita è già cominciata e seppure l’istituto non abbia più lo stesso appeal di un tempo i giochi sono aperti e portano tutti a un nome: Ignazio Visco. La storia è questa. Ottobre sarà il mese in cui si deciderà il destino del governatore di Bankitalia e fino a qualche mese fa, prima del referendum costituzionale, il destino di Visco sembrava segnato: molto apprezzato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, poco apprezzato dall’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

 

Visco, da tempo, ragionava su altri scenari e su altri percorsi ma da quando Paolo Gentiloni è arrivato alla guida di Palazzo Chigi gli equilibri sono cambiati: Renzi gradirebbe un’altra opzione a Via Nazionale (il modello è Padoan) ma sia Gentiloni sia Mattarella stanno lavorando per la stabilità e la continuità e il risultato è che l’attuale governatore oggi è il più accreditato per succedere a se stesso. Più di Ignazio Angeloni, economista e dal 2014 membro del Consiglio di sorveglianza della Bce. Più di Fabio Panetta, vicedirettore generale della Banca d’Italia. Visco in questo momento si sente forte. E non deve essere un caso che, a pochi mesi dal suo mandato, abbia scelto di allargare la sua squadra e il suo staff, facendo avvicinare a Palazzo Koch Orazio Carabini, già responsabile della comunicazione esterna e media del Gruppo Ferrovie dello Stato. Dopo Visco c’è Visco. Almeno così chiedono sia il presidente del Consiglio sia il presidente della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    06 Maggio 2017 - 14:02

    Ma veramente il ruolo di Bankitalia con la Bce che stampa moneta è ridimensionato al massimo. Solo che in Italia le poltrone e i privilegi si perpetuano.

    Report

    Rispondi

Servizi