Contraddizioni in seno al soccorso (statale y final) per Alitalia

I commissari straordinari non sono così distanti dagli azionisti uscenti che adesso ripudiano l'ex compagnia di bandiera

Salvare Alitalia! Ma chi paga?

Foto LaPresse

Roma. Gli investitori che hanno tenuto in vita Alitalia negli ultimi anni, senza riuscire ricavarne profitto, ora ripudiano la compagnia aerea, lasciando allo stato il fardello e il compito di cercare un nuovo “cavaliere bianco”. Il 24 aprile scorso la maggioranza dei lavoratori aveva votato contro il piano di ristrutturazione che era il prerequisito per un salvifico aumento di capitale da 2 miliardi di euro, il più ambizioso da dieci anni, costringendo il governo Gentiloni a una manovra interlocutoria per evitare il fallimento che passa dalla procedura di amministrazione straordinaria.

 

Alitalia tra propaganda e nuovi commissari

Ora che il cda di Alitalia ha chiesto l’amministrazione straordinaria e il governo ha nominato i commissari ogni ipotesi di salvataggio che non torni a gravare sui contribuenti non può che partire da una serie di dati. Questi

 

Nell’ultimo decennio Alitalia s’è sostenuta consumando il capitale investito dai suoi potenziali salvatori come Air France, varie società governative, tra cui Poste Italiane, le principali banche, Intesa Sanpaolo e Unicredit, e da ultimo Etihad che possiede il 49 per cento delle azioni dal 2014. A due anni di distanza la compagnia dell’emirato di Abu Dhabi era positiva sull’operazione – “Alitalia ha una grande storia da raccontare”, disse il ceo James Hogan – ora è all’opposto delusa dall’investimento e non intende spendere altri soldi ma operare solo come partner commerciale. Tuttavia nel 2014 Etihad aveva comprato da Alitalia cinque slot (diritti di decollo e atterraggio) nel principale aeroporto di Londra, Heathrow, per 12 milioni di euro l’uno, mentre il prezzo medio delle compravendite realizzate da altre compagnie nei successivi tre anni è stato di 45 milioni di euro a slot, secondo i calcoli dell’esperto di aviazione Ugo Arrigo.

 

Alitalia e il tabù della produttività

Quello che i riformisti non dicono di fronte ad aziende incapaci di competere

 

Intesa Sanpaolo è stata la banca che su richiesta del governo Berlusconi nel 2008 riunì una compagine di imprenditori italiani per salvare la compagnia allora pubblica da un collasso annunciato e propose il piano di rilancio detto “Fenice”, poi rivelatosi fallimentare. Il piano depotenziò il profittevole lungo raggio e l’azienda partì con una quota di aerei in affitto pari al 31 per cento della flotta, un handicap che aumentava i costi fissi. Ora Intesa abdica al ruolo di “banca di sistema”, ovvero di istituto che su impulso della politica puntella società rilevanti o per numero di addetti o per attività considerate strategiche. “Il nostro compito è venuto meno, ci comporteremo da banca e presteremo denaro alle aziende che hanno piani sostenibili”, ha detto ieri il presidente Gian Maria Gros-Pietro. L’istituto ritirerà le carte di credito con il logo Alitalia, secondo Adnkronos. Gli investitori privati dunque si defilano. Sarà il governo a spendere “massimo” 600 milioni di soldi pubblici per guadagnare sei mesi di tempo nel tentativo di cercare un investitore interessato all’azienda sul modello dell’acciaieria Ilva di Taranto. Mercoledì il cda di Alitalia ha appunto chiesto l’amministrazione straordinaria al governo che di conseguenza ha nominato tre commissari ai quali è affidato l’incarico di scovare un potenziale salvatore e ancora prima di consegnare al giudice delegato per la procedura fallimentare una descrizione delle cause e delle responsabilità dell’insolvenza riguardo al management di Alitalia.

 

Per Alitalia Renzi propone il “modello Meridiana”. Ma può funzionare?

L'ex premier cita il precedente della compagnia sarda che ha trovato un partner in Qatar Airways come soluzione per la crisi del vettore tricolore

Emerge tuttavia la contraddizione per cui il governo non ha scelto persone distanti dagli azionisti uscenti, di cui i commissari dovrebbero invece essere controparte a tutela degli interessi dei creditori e della collettività che garantisce il prestito temporaneo (seppur a tassi superiori al mercato). Luigi Gubitosi, già direttore generale Rai, è stato cooptato nel cda di Alitalia a metà marzo con la prospettiva di diventare presidente operativo in caso il piano di finanziamento avesse avuto successo. Enrico Laghi, docente di Economia e commercialista, già commissario per Ilva, è presidente di MidCo, società di raccordo tra i soci italiani e il socio estero Etihad. Il terzo commissario, Stefano Paleari, già rettore dell’Università di Bergamo, è esperto di aviazione e non ha legami con Alitalia. Le persone saranno navigate – Laghi, ad esempio, ha incarichi in altre 23 società – e indipendenti in quanto pubblici ufficiali, ma è lecito chiedersi se la priorità sia gestire l’azienda, trovare un acquirente e ristorare i creditori o limitare i danni per gli azionisti uscenti. Al loro operato, la sentenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    04 Maggio 2017 - 10:10

    La soluzione adottata dal governo per Alitalia e' semplicemente una nuova costosa pagliacciata, finalizzata a garantire ai dipendenti i trattamenti fin qui goduti e giudicati anche dal governo, prima del referendum, insostenibili sul mercato. Si era detto che se i dipendenti non avessero accettato l'accordo raggiunto per garantire la sopravvivenza dell'azienda privata, Alitalia avrebbe chiuso bottega e sarebbe fallita. I lavoratori che hanno bocciato l'accordo sapevano già che così non sarebbe finita perché a tener la baracca fallimentare in piedi e soprattutto a garantire i loro stipendi e salari fuori mercato ci avrebbe pensato lo Stato con i soldi dei contribuenti. Dicono per sei mesi soltanto. E chi ci crede? Dicono che si troverà un compratore. Ma se ci fosse stato un compratore c'è qualcuno che osa pensare che i soci privati proprietari di Alitalia non gli avrebbero già venduto la compagnia per recuperare almeno un po' degli investimenti? Insomma che c'entra lo Stato ?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    04 Maggio 2017 - 09:09

    Brambilla, se lei fosse un investitore di Alitalia e si vedesse rifiutato il suo piano dagli operai, impiegati e comandanti cosa farebbe? Si risponda a questo e poi agisca di conseguenza. Un piano c'è, i soldi pure e di fronte a dipendenti che asteggiano il piano non resta che il fallimento o andare avanti con il piano e chi non è d'accordo passi in cassa. Questo farebbe prima un governo serio e non ammiccante a logiche novecentesche dure a morire. Cosa potranno mai fare i dirigenti oggi nominati commissari liquidatori? Ed il povero De Rio? ieri sostenitore del piano ed oggi cassa statale per sostenere l'assurdo e difendere, poverini, i lavoratori negazionisti. La situazione di Alitalia è uguale a prima del piano. O hanmo mentito sul piano o i dipendenti sono degli irresponsabili. Per verificarlo? Tornare al piano ed applicarlo. Se vi sarà ostruzionismo si chiude e lo stato rimborsi gli azionisti. Renzi si riveli e tiri fuori dal cilindro l'ennesimo salvataggio. Siamo tutti in attesa.

    Report

    Rispondi

Servizi