Alitalia tra propaganda e nuovi commissari

Ora che il cda di Alitalia ha chiesto l’amministrazione straordinaria e il governo ha nominato i commissari ogni ipotesi di salvataggio che non torni a gravare sui contribuenti non può che partire da una serie di dati. Questi

Alitalia tra propaganda e nuovi commissari

Alitalia Day a Milano

Ora che il cda di Alitalia ha chiesto l’amministrazione straordinaria e il governo ha nominato i commissari (Enrico Laghi, Giuseppe Gubitosi e Stefano Paleari) erogando un prestito ponte di 600 milioni per 6 mesi, ogni ipotesi di salvataggio che non torni a gravare sui contribuenti non può che partire da una serie di dati.

 

E cioè: nel nostro paese, come in tutto il mondo, il traffico aereo è in forte aumento; nel 2016 sono transitati 164,7 milioni di passeggeri (più 4,6 per cento), 1 milione di tonnellate di merci (più 5,9), 1,5 milioni di decolli e atterraggi (più 2,6). A beneficiarne è stata però Ryanair, prima compagnia scelta dagli italiani con 32,6 milioni di passeggeri, contro i 23 ai quali si è fermata Alitalia. Ci si muove di più anche via treno: le Fs hanno segnato il record di 63 milioni di passeggeri e 64 milioni di tonnellate di merci, grazie alle Frecce ma anche al trasporto regionale che contribuisce in misura pari all’alta velocità all’utile di 772 milioni (più 66,4 per cento).

Chi sono i commissari che gestiranno l’amministrazione straordinaria di Alitalia

I profili di Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari i tre esperti scelti dal ministero dello Sviluppo Economico

Dunque quello dei viaggi è un business profittevole. Non esiste una crisi della domanda, ma dell’offerta, e qui era certo sbagliato il piano di Etihad che puntava sul breve-medio raggio. Il che non giustifica l’autogol dei sindacati che oltre ad aver bocciato l’ultimo accordo utile (per loro) lamentano stipendi inferiori a Lufthansa benché inferiori a Ryanair e Easyjet: le quali pero sono tutte in attivo. Matteo Renzi, rieletto segretario del Pd, ha annunciato una propria proposta.

 

Sperando che non ceda alla statalizzazione chiesta dall’estrema sinistra e dalla Cgil, dovrà muoversi in base a quei numeri stringenti nonché alle leggi del mercato, leggi che hanno tra l’altro permesso il risanamento che pareva impossibile di Fiat e Ferrovie. Compreso il fatto che 35 aeroporti sono troppi per il paese: solo i maggiori (la metà) guadagnano, quelli periferici tengono grazie alle low cost sovvenzionate dalle regioni, un terzo è fuori mercato e guarda caso il primo operatore domestico è proprio Alitalia. Dire che sia l’ex compagnia di bandiera, magari pubblica, a determinare l’indotto, i flussi turistici e l’economia di città e regioni è propaganda, che, esperienza insegna, non porta neppure voti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    03 Maggio 2017 - 15:03

    Nessuno parte dall'assurdo, nessuno che mette il dito nella piaga di una mentalità che a breve rivedremo ancora maledettamente statalista e ricattatoria. Tutto deve partire dal rifiuto dei dipendenti del piano che, pur brutto, sporco e cattivo metteva sul piatto due miliardi di soldi privati e circa trecento milioni di soldi pubblici. Il piano non lo hanno rifiutato i sindacati. Lo hanno rifiutato i dipendenti. E quale sarà mai il dipendente che di fronte ad una ripartenza della sua azienda che, fino a prova contraria gli garantisce da vivere, dice no: il piano non mi sta bene, e manda tutto all'aria e addirittura in liquidazione? Quel no sembra una telefonata tra intenditori, ben sapendo che qualcuno ha garantito che con i soldi di pantalone avrebbe ricominciato la giostra. Quale sarà mai la ricerca dei commissari di cui tra l'altro uno era previsto AD? Suvvia giornalisti, collimate la penna sul bersaglio dello sfascio. Che non sono solo I manager ma anche la cultura del ricatto.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    03 Maggio 2017 - 09:09

    una interpretazione casareccia dell'art . 43 della costituzione, con il metodo consolidato degli Onida y Zagreblesky,che ha portato alla creazione della malsana costituzione materiale , potrebbe tranquillamente consentire ( lo ha consentito per 70 anni ) al governo mi mettere a calderone l'Alitalia con buona pace di tutti. In fondo sarebbe una interpretazione 'creativa' come quella alla quale ci hanno abituato i magistrati italiani ,esattamente quella di cui il giornale oggi lamenta in un altro articolo trattando del caso Cappato.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Maggio 2017 - 08:08

    Grazie per averlo scritto. E per averci messo in guardia da una nuova costosa pagliacciata che non porta ne' sviluppo ne' voti. Porta solo nuove tasse più o meno occulte e una lievitazione più o meno mascherata del debito pubblico. Caro Rosati, temo però e purtroppo, udite le premesse e promesse del governo, che il suo allarme cadrà nel vuoto. Una compagnia aerea non e' una banca. La Costituzione impone di tutelare il risparmio non i biglietti acquistati per viaggiare da una compagnia sull'orlo del fallimento. Ai lavoratori chiamati a referendum il presidente del Consiglio ha pubblicamente detto che se avessero rifiutato l'accordo raggiunto per il salvataggio Alitalia sarebbe fallita. Nel circo italiano i lavoratori sapevano che cosi' non sarebbe stato: avessero votato no ai sacrifici, nulla sarebbe accaduto. A garantire gli organici in atto e gli stipendi non ribassati avrebbe provveduto il governo a spese dei contribuenti. E chiamalo, se vuoi, prestito ponte! Di Messina.

    Report

    Rispondi

Servizi