La risurrezione di Deutsche Bank e Generali batte le profezie di sventura

Brindare a champagne è prematuro ma si tratta di due esempi da tenere a mente: il mercato senza frontiere e il cosmopolitismo manageriale battono sempre i nazionalismi

La risurrezione di Deutsche Bank e Generali batte le profezie di sventura

Foto LaPresse/PA

Roma. Deutsche Bank e Assicurazioni Generali hanno presentato, il 27 aprile, dati migliori delle attese. La prima firma un bilancio trimestrale in utile di 575 milioni di euro, di 53 superiore al consensus degli analisti e di 339 (oltre il doppio) rispetto al trimestre corrispondente del 2016. Le seconde – in attesa della trimestrale dell’11 maggio che varerà anche “iniziative sempre più nel segno del profitto” come dice l’amministratore delegato Philippe Donnet – annunciano all’Assemblea dei soci un consuntivo 2016...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi