Euro Sì. Dibattito chiuso

Risposta definitiva di 25 Nobel sulla discussione appena aperta (pure dal Sole)

Euro Sì. Dibattito chiuso

Foto LaPresse

Il dibattito è il sale della democrazia, nessun tema può essere escluso e nessun interlocutore deve essere ignorato, soprattutto quando le loro opinioni raccolgono vasto consenso nella società. E quindi hanno fatto benissimo Luigi Zingales, economista di Chicago, e il Sole 24 Ore ad aprire un “dibattito serio e costruttivo” sul tema “Euro sì o no” fondato su referenze accademiche. Certo, l’Italia ha problemi più seri da risolvere, come l’elevata pressione fiscale, la spesa pubblica incomprimibile, un debito pubblico che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Aprile 2017 - 11:11

    integrazione .scaduto il contratto di affitto un ricco aumento.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    19 Aprile 2017 - 11:11

    tutto vero ,uscire dall'euro è una boiata pazzesca ,ma sarà mero egoismo ,ma da quando il mio reddito è passato da lire ad euro è successo questo: zitellone prima di andare in pensione guadagnavo circa 4 milioni di lire al mese .Ero un benestante con un affitto di 900 mila ,la spider ,la cena al ristorante , vacanze e tutto il resto . Andato in pensione mi sono ritrovato in tasca con circa 2000,00 euro e un affitto di 850 euro e tutto il resto in meno.Quanti premi nobel hanno avuto questa felice avventura ? E se pure siano passati sotto la forca caudina del passaggio ,si sa che i Nobel sono tutti professoroni hanno cattedre ,pubblicano una marea di libri articoli ,fanno conferenze pagate hanno premi omaggi .In fondo sono esseri inutili perchè i problemi del mondo li risolvono solo a chiacchiere e in compenso fanno una bella vita. Brutta gente.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    19 Aprile 2017 - 10:10

    Ma quale dibattito chiuso. Mi ricorda quello che successe con il referendum: anche allora c'erano esimi costituzionalisti che dicevano che la riforma era la panacea di tutti i mali italiani, e secondo i quali il discorso era chiuso, e altri che dicevano il contrario. Così come ci sono economisti che la pensano diversamente riguardo l'euro. Fra i contrari c'è il professor Paolo Savona, che mi sembra un tipo serio, il quale ha posto una domanda a cui nessuno vuole rispondere: tutti parlano di quanto ci costerebbe uscire dal'euro, ma nessuno parla mai di quanto ci costa rimanere, anche perché i costi sono innegabili. Allora si faccia un paragone sui questi costi e si veda cosa è più conveniente, invece di fare crociate a senso unico a favore dell'euro.

    Report

    Rispondi

Servizi