La manovra camomilla

Perché le intenzioni del Def non si avvicinano nemmeno alla frustata che sarebbe necessaria

La manovra camomilla

Pier Carlo Padoan e Paolo Gentiloni (foto LaPresse)

Stretto tra l’obbligo europeo di tagliare due decimali di deficit nel 2017 – che tra “manovrina” e lieve maggiore crescita del Pil scende al 2,1 per cento – e la necessità di non scontentare il Pd proiettato sulle elezioni, Paolo Gentiloni e Pier Carlo Padoan hanno confezionato una correzione di bilancio ed un Documento di economia e finanza (Def) dove tutto appare in ordine, ma all’aroma di camomilla. Al punto che è difficile per gli analisti individuarne gli elementi-chiave, contabilità a parte. I maggiori oneri 2017 vengono coperti da un aumento omeopatico delle accise sui tabacchi e dal meccanismo che consente allo stato di trattenere l’Iva da versare ai fornitori.

 

Per il futuro la promessa rituale di rilanciare le privatizzazioni sta in un progetto, definito “Operazione Capricorno”, per trasferire altre quote di partecipazioni del Tesoro alla Cassa depositi e prestiti, per 15-20 miliardi in tre anni. Questo dovrebbe produrre la mitica discesa del debito pubblico, macigno che grava non solo sull’osservanza del Fiscal compact ma sul nostro futuro. Ma di fatto nulla cambierà se una quota della super-patrimonializzata Cdp non verrà vessa sul mercato (e ci sono forti riserve del management) e soprattutto se non si tocca la spesa pubblica, dove invece è previsto un aumento di 2,8 miliardi per coprire il rinnovo del contratto fermo da otto anni. Matteo Renzi, con tutti i suoi passi falsi, nel 2015-2016 aveva realizzato il Jobs Act, gli 80 euro, l’abolizione dell’Imu sulla prima casa e l’avvio del taglio del carico fiscale e contributivo sul lavoro.

 

Il Piano nazionale delle riforme arriverà ad autunno assieme ai contenuti del Def. Ma certo non si può dire che un decimale in più di Pil quest’anno, e uno in meno i prossimi due, accompagnato dall’adozione dell’“indice del benessere equo e sostenibile”, rappresentino una frustata in grado di innovare e stupire, e certo anche dividere, come accadde un paio di anni fa (poteva esserlo un taglio dell'Irpef che invece non è tra le priorità dell'esecutivo) . Né che le misure in ballo che (forse) verranno possano riportare la crescita al livello del resto d’Europa. E neppure che si intravveda il “regalo ai figli” di un vero taglio del debito, prima che ci pensino il Fondo monetario internazionale, o la patrimoniale. Ma nemmeno s’intende come sia possibile disinnescare le clausole di salvaguardia ovvero l’aumento delle imposte indirette dal 2018 (pari all’1,1 del pil per il solo anno prossimo) con vaghe intenzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    14 Aprile 2017 - 09:09

    Tanto per capirci, la sempiterna giacolutaria sulla lotta all'evasone fiscale suona bene nei comizi. Ma ciascuno sa che si dovrebbe cominciare con una seria frustata sulla piaga del lavoro nero, grazie al quale campano diversi milioni di italiani. Molti dei quali ( chi dice 5 o 6) senza lavoro nero, con gli attuali livelli di tassazione, finirebbero attorno alla soglia di povertà. Altro che correzioni di bilancio alla camomilla. Altro che giochini mediatici attorno allo zero virgola.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    14 Aprile 2017 - 09:09

    Siamo e restiamo a livello di una presa in giro, sia pure alla camomilla. E siamo a dover constatare che prosegue la retromarcia rispetto alle promesse riformatrici del Renzi esordiente. Ammesso che ciò contribuisca a vincere le primarie del Pd, di certo non consente al Paese di muovere un passo a colmare la distanza con coloro che in Europa stanno crescendo a velocità più che doppia rispetto a noi. Quanto al debito pubblico, in molti prevedono che i conti li faremo nel 2018, e saranno molto salati e dolorosi. Alla vigilia del voto, tra l'altro. San Draghi farà miracoli in eterno?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Aprile 2017 - 20:08

    L'infuso di camomilla è perfetto per il clima socio/politico nostrano. Anzi non è neppure sufficiente a sedare i bollenti spiriti del circo mediatico giudiziario. Figuriamoci fosse stata del tipo energy drink.

    Report

    Rispondi

Servizi