In difesa della Bolkestein

Tutti i partiti si accodano alla piazza contro una buona direttiva

In difesa della Bolkestein

Mentre l’Europa attende con interesse e apprensione l’esito delle elezioni olandesi, con il confronto serrato tra il premier uscente Mark Rutte del Partito liberal-democratico e il leader della destra populista Geert Wilders, in Italia si sta giocando un pezzo di quella battaglia – tra europeismo e anti-europeismo, società aperta e società chiusa – attorno a una direttiva europea che prende il nome proprio da uno storico leader liberale olandese: Frits Bolkestein. Al grido di “Il mercato non si tocca” e “ No Bolkestein” c’è stata a Roma l’ennesima manifestazione nazionale degli ambulanti contro la direttiva europea incolpata di ammazzare il commercio. Stesse identiche cose degli ambulanti dicono i proprietari degli stabilimenti balneari, anche loro strenui oppositori della liberalizzazione dei servizi. I manifestanti hanno l’appoggio dell’intero spettro politico, dal Movimento 5 stelle alla destra sovranista, passando per la sinistra anti capitalista e il centrodestra una volta liberale e ora in crisi d’identità. Tutti accusano la direttiva di svendere le bancarelle alle multinazionali, di attentare alle specificità italiane e di distruggere posti di lavoro. In realtà la Bolkestein ha come obiettivi la rimozione delle barriere nel settore dei servizi per garantire concorrenza, trasparenza e pari opportunità ai cittadini e alle imprese, affermando un principio elementare: le concessioni pubbliche, in scadenza o già scadute, devono essere messe a gara. Gli ambulanti, come i balneari, invece pretendono un intervento del governo che escluda per sempre un bando pubblico per il rinnovo delle licenze: chi ha avuto ha avuto ha avuto, scordiamoci il passato e non pensiamo al futuro. A questa visione si è accodato anche il Pd, il partito che più di tutti si dice europeista, che ha presentato un emendamento per sterilizzare la Bolkestein. Le elezioni olandesi da noi le hanno già vinte i populisti, a man bassa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cragnolinux

    15 Marzo 2017 - 21:09

    Se i cittadini italiani che versano in condizioni di povertà assluta sono 4,3 milioni, e nel Sud la quota di povertà relativa è prossima alla metà della popolazione, qualche domanda ce la dobbiamo porre riguardo l'effetto che la rimozione delle barriere nel settore dei servizi per garantire concorrenza, trasparenza e pari opportunità ai cittadini e alle imprese avrebbe rispetto a questi drammatici numeri, sconosciuti negli ultimi decenni della nostra storia. Sarebbe irrilevante? Mettere gli ambulanti «protetti» in competizione aperta con le imprese avrebbe un effetto benefico? Naturalmente non mancheranno le analisi autorevoli che dimostreranno che, dopo un adeguato intervallo di tempo, la risposta alla seconda domanda è affermativa; ma, come è stato detto, dopo un adeguato intervallo di tempo siamo tutti morti.

    Report

    Rispondi

Servizi